Bokio, la startup svedese che semplifica la contabilità con l'IA, raccoglie 4 milioni di euro guidati da Creandum

Bokio, la startup svedese che semplifica la contabilità con l'IA, raccoglie 4 milioni di euro guidati da Creandum

         

Bokio team

         

Bokio , la startup con sede in Svezia che utilizza l’intelligenza artificiale per semplificare la contabilità per le piccole imprese, i commercianti individuali e i liberi professionisti, ha raccolto 4 milioni di euro.

 

Guidato da Creandum (primi sostenitori di Spotify), con la partecipazione del gruppo finanziario europeo Svea e un investimento individuale di Chris Adelsbach, Amministratore delegato di Techstars, il finanziamento consentirà a Bokio di ampliare la propria attività nel Regno Unito, dove è stato lanciato all’inizio del 2019, e di sviluppare ulteriormente il suo strumento di contabilità basato sull’intelligenza artificiale con l’implementazione di ulteriori servizi aggiuntivi.

 

Bokio funge da assistente digitale, fornendo supporto per una vasta gamma di attività amministrative tra cui fatturazione, spese dei dipendenti, rendicontazione e dichiarazioni IVA. La sua interfaccia user-friendly è progettata in modo tale che i proprietari di aziende per la prima volta possano utilizzare il software senza richiedere alcuna esperienza precedente nella contabilità.

 

Le attività di contabilità sono spesso una prospettiva scoraggiante per molti imprenditori a causa della loro natura che richiede tempo, sconcertante e spesso costosa. I processi di contabilità arcaica legacy compromettono significativamente la produttività e la stabilità finanziaria complessiva di molte piccole imprese. Secondo una ricerca del 2018 della Federazione delle piccole imprese, la piccola impresa media del Regno Unito spende l’equivalente di quasi tre settimane lavorative e £ 5.000 ogni anno navigando in complessi processi di rendicontazione fiscale.

 

Bokio è stata fondata a Göteborg, in Svezia, nel 2015 dal suo CEO Viktor Stensson e dal CTO Mikael Eliasson, dopo che Viktor ha aiutato Mikael, che era un ingegnere freelance all’epoca, a svolgere vari compiti contabili con cui stava lottando. Insieme, hanno capito quanto fosse complicato il sistema di archiviazione fiscale ed entrambi hanno visto una sostanziale opportunità di modernizzare il settore contabile automatizzando il processo di contabilità.

 

Viktor Stensson, CEO e co-fondatore di Bokio, commenta: “Siamo entusiasti di continuare la nostra collaborazione con Creandum, che condividono la reciproca passione per servire la PMI in continua crescita Comunità. La contabilità continua ad essere un’attività costosa e inaccessibile per molte piccole imprese e liberi professionisti e ci impegniamo a democratizzarla fornendo un servizio semplice, ma potente, gratuito, con servizi aggiuntivi veramente utili che offrano agli utenti ancora di più controllo e supporto. Dopo aver raggiunto il dominio del mercato nella nostra nativa Svezia, ora siamo concentrati sul ridimensionamento della nostra attività nel Regno Unito, dove abbiamo già visto un’enorme richiesta per il nostro strumento da quando è stato lanciato all’inizio del 2019. ”

 

Johan Brenner, a Creandum, commenta: “Siamo orgogliosi di continuare il nostro viaggio come investitori in Bokio con questa nuova iniezione di finanziamenti. Viktor, Mikael e il team hanno portato l’azienda a grandi altezze in Svezia e non vediamo l’ora di vedere l’azienda espandersi e sviluppare il suo prodotto in tutto il Regno Unito e oltre. Alla Creandum, cerchiamo sempre di supportare i futuri leader di categoria e crediamo che Bokio possa diventare un nome globale nello spazio del software di contabilità. “

 

La Lituania incorona il suo primo unicorno tecnologico! Mercato della moda usato e di seconda mano, intascava 128 milioni di euro e assicura una valutazione di 1 miliardo di euro

La Lituania incorona il suo primo unicorno tecnologico! Mercato della moda usato e di seconda mano, intascava 128 milioni di euro e assicura una valutazione di 1 miliardo di euro

         

Vinted team

         

Vinted , un mercato sociale per l’abbigliamento pre-amato, ha preso il posto del primo unicorno tecnologico della Lituania, dopo aver raccolto 128 milioni di euro stellari. Il round di finanziamento è stato guidato dal nuovo investitore Lightspeed Venture Partners, con la partecipazione di sostenitori esistenti tra cui Sprints Capital, Insight Venture Partners, Accel e Burda Principal Investments. I fondi verranno utilizzati per favorire lo sviluppo del prodotto e la rapida crescita dei missili in Europa.

 

Vinted è stata fondata nel 2008 a Vilnius, in Lituania, e offre agli utenti un’esperienza mobile peer-to-peer per gli utenti nella vendita, acquisto e scambio di abbigliamento di seconda mano. Negli ultimi anni, Vinted è cresciuta per operare in 11 mercati europei, impiegando oltre 300 persone. Abbiamo seguito da vicino la crescita di Vinted, presentandoli per la prima volta nel 2015 nella nostra lista di 4 startup più calde in Lituania per tenere d’occhio e nel 2018 nella nostra lista di 10 startup promettenti fondate da donne .

 

Il nuovo status di unicorno di Vinted è stellare per alcuni motivi. In primo luogo, accende i riflettori sull’ecosistema startup di Vilnius, in Lituania, un hub imprenditoriale sempre più innovativo. Diventato rapidamente noto come il centro FinTech dei Paesi Baltici e in effetti in Europa, il loro processo di concessione delle licenze FinTech è il più rapido in Europa, consentendo alle aziende di accedere a tutti i 28 stati membri dell’UE. Vilnius ora ha cinque sandbox ufficiali – tre in FinTech, oltre a una sandbox per energia e PropTech – e vanta un’entusiasmante schiera di “hub” come il Blockchain Center Vilnius . Se stai pensando di avviare o ridimensionare a Vilnius, dai un’occhiata al nostro degrado dell’ecosistema FinTech di Vilnius .

 

In secondo luogo, la startup green ha attinto alle crescenti preoccupazioni di molti millennial riguardo all’impatto della “moda veloce”. Un argomento caldo che rende notizie in molti ambienti, questa crescente tendenza di impatto sociale può essere vista riflessa nella creazione di startup come Depop con sede a Londra, che noi ha scritto di recente raccogliendo 55 milioni in un round della Serie C . In realtà è iniziato quando la fondatrice Milda Mitkute ​​stava traslocando e si rese conto di quanti vestiti mai indossati avesse, scatenando Justas Janauskas a creare un sito Web per regalare i suoi vestiti ai suoi amici.

 

Guardando al futuro, la missione di Vinted è di rendere la moda di seconda mano la prima scelta in tutto il mondo. Hanno grandi progetti per utilizzare i finanziamenti per raddoppiare il personale nei team di prodotto e tecnologia, e io investe in tecnologie per migliorare la proposta di valore per gli utenti, rafforzare i servizi di supporto dei membri e continuare a crescere e connetterne i forte base di membri paneuropea, che attualmente conta 25 milioni.

 

Thomas Plantenga, CEO di Vinted, ha commentato: “ Ci stiamo avvicinando a un punto di flesso nel mercato della moda di seconda mano; i consumatori di tutto il mondo stanno diventando sempre più consapevoli delle loro scelte di acquisto. Siamo grati ai nostri sostenitori nuovi ed esistenti che credono nella nostra missione di rendere di seconda mano la prima scelta in tutto il mondo. L’investimento odierno è un’approvazione delle future opportunità di mercato e del nostro approccio per massimizzare la generazione di valore per i nostri membri. “

 

Moodwork, startup parigina che migliora il benessere dei dipendenti, raccoglie 2 milioni di euro per conquistare l'Europa

Moodwork, startup parigina che migliora il benessere dei dipendenti, raccoglie 2 milioni di euro per conquistare l'Europa

         

Moodwork team

         

Moodwork , la startup francese che migliora il benessere dei dipendenti, ha completato un round di € 2 milioni, guidato da Newfund, un fondo di investimento specializzato in sementi. Il finanziamento consentirà a Moodwork di raggiungere le aziende in tutta Europa e di affrontare nuovi settori.

 

Moodwork, fondato nel 2017, offre ai dipendenti strumenti sia su desktop che su dispositivo mobile che misurano la qualità della loro vita lavorativa. Dopo aver analizzato il loro stato attuale, Moodwork offre contenuti personalizzati, tra cui psicologi, coach, video tutorial e webinar, disponibili per migliorare tutti gli aspetti della vita lavorativa che non sono all’altezza.

 

Con un approccio incentrato sull’utente, i dipendenti sono incaricati di gestire il proprio benessere, creando un senso di autonomia. Sono inizialmente incoraggiati ad analizzare il loro stato d’animo attuale con una serie di domande, come “Vado d’accordo con il mio manager?”, “Le sue decisioni sono giuste o ingiuste? “” Mi sento pessimista ultimamente? “,” Sono stanco? “ . I suggerimenti mostrati a ciascun dipendente vengono successivamente adeguati in base al feedback individuale di ciascuna persona. I dipendenti più a rischio, con un punteggio inferiore a 40/100 nel bilancio del benessere, sono [19459017] “invitati a mettersi in contatto con professionisti e quindi a evitare il rischio di congedo per malattia, “afferma Benjamin Brion, co-fondatore di Moodwork. Ad esempio, su base giornaliera, i dipendenti possono chattare con gli esperti tramite una finestra di chat, gestita da quattro dipendenti a tempo pieno. Ancora più importante, i dipendenti ricevono solo rapporti generali sulla forza lavoro e tutti i dati sono anonimi, il che significa che i dipendenti possono sentirsi a proprio agio nell’essere onesti.

 

Léopold Denis, co-fondatore della startup, spiega perché Moodwork è stato creato: “Ciò che crea il maggior numero di frustrazioni tra i dipendenti è il cambiamento perpetuo. Le aziende sono in transizione e tutti tendono ad essere sotto pressione. Tendiamo a prendere la questione del benessere nella sua interezza, mentre è strettamente individuale. “

 

Ad oggi, Moodwork ha raggiunto oltre 30 clienti aziendali (ad esempio Engie, BNP Paribas, EDF) che pagano un abbonamento (fino a 5 euro per dipendente) per avere accesso a un Web e un dispositivo mobile applicazione.

 

Con questo finanziamento, l’azienda prevede di accelerare l’espansione nel Regno Unito e in Germania, oltre a raddoppiare la forza lavoro il prossimo anno. Si rivolge a nuove sezioni, come l’istruzione, le autorità locali e il mondo ospedaliero. “L’idea è quella di creare contenuti adattati per tutti i tipi di dipendenti: negli ospedali, ad esempio, ci concentreremo su operatori sanitari ma anche su funzioni amministrative e di supporto”, [19459007 ] continua Denis Leopold.

 

StudentFinance.com, fondata dal team dietro Uniplaces, raccoglie € 1,15 milioni per rimodellare il finanziamento dell'istruzione utilizzando la tecnologia AI

StudentFinance.com, fondata dal team dietro Uniplaces, raccoglie € 1,15 milioni per rimodellare il finanziamento dell'istruzione utilizzando la tecnologia AI

         

         

StudentFinance , una società Fintech creata dai fondatori di Uniplaces, ha annunciato oggi di aver chiuso un round di finanziamento da 1,15 milioni di euro guidato da Seedcamp (investitori in Revolut e TransferWise – due dei più grandi fintech in Europa) e Mustard Seed Maze.

 

StudentFinance è stata fondata nel 2019 a Madrid dal team di Uniplaces, la più grande piattaforma di alloggi per studenti in Europa. Durante la costruzione di Uniplaces, Mariano Kostelec, Marta Palmeiro, Sergio Pereia e Miguel Santo Amaro hanno realizzato il “divario di competenze” e la mancanza di accessibilità al miglioramento delle competenze e al rinnovo da parte di studenti e dipendenti. Questo, combinato con le sfide legate all’accessibilità economica dell’istruzione, li ha portati a costruire StudentFinance .

 

Ci sono oltre 700k posti vacanti non occupati per ruoli tecnologici in Europa, rendendo più importante che mai la necessità di formare le persone per questi lavori. StudentFinance collabora con i fornitori di competenze “richieste”, al fine di finanziare i propri studenti con accordi di compartecipazione al reddito (“ISA”). Gli ISA offrono un modello attraverso il quale gli studenti non pagano nulla in anticipo, ma una percentuale delle loro entrate dopo aver ottenuto un lavoro con un livello salariale superiore a un determinato importo. Questo modello ISA sta sconvolgendo gli attuali modelli di finanziamento dell’istruzione, offrendo agli studenti un’alternativa al debito tradizionale.

 

Quindi, come funziona? La tecnologia modello predittiva dell’azienda crea uno strato di intelligenza tra talento, programmi di istruzione e datori di lavoro. Il modello analizza i dati del mercato del lavoro in tempo reale e definisce i settori prioritari di studio e competenze. StudentFinance quindi analizza e seleziona i programmi che insegnano tali abilità in base alla qualità del curriculum e ai risultati di occupabilità. Gli studenti, a loro volta, sono valutati in base al loro potenziale futuro e non in base al reddito passato o alla storia occupazionale, senza la necessità di un co-firmatario o garante.

 

Il recente round di finanziamento ha visto inoltre la partecipazione di alcuni degli imprenditori di maggior successo in Europa: José Neves (fondatore e CEO di Farfetch), Rolf Schrömgens (fondatore e CEO di Trivago), Nuno Sebastião (fondatore e CEO di Feedzai), Juan Urdiales , Felipe Navio (co-fondatori e co-CEO di Jobandtalent) e gli imprenditori seriali Carlos Oliveira e Will Neale. Il finanziamento sarà utilizzato per costruire la tecnologia e l’infrastruttura di dati per fornire alle scuole partner la piattaforma di gestione e assistenza per offrire accordi di ripartizione del reddito ai propri studenti. La compagnia supporterà oltre 500 studenti nel 2020.

 

Mariano Kostelec, co-fondatore e CEO di StudentFinance , commenta: “Siamo orgogliosi e incredibilmente entusiasti di esserci assicurati un così alto livello di investitori, che credono nella nostra missione di rendere l’istruzione accessibile e accessibile, passando a un modello basato sui risultati, proteggendo il lato negativo degli studenti. È un onore lavorare con loro per ridimensionare gli Accordi di ripartizione del reddito in tutta Europa “.

 

Orson Stadler di Mustard Seed Maze ha commentato: “L’accesso all’istruzione è uno dei principali fattori di disuguaglianza sociale. Mentre il numero di fornitori di bootcamp in codice sta evolvendo rapidamente e aprendo nuove opportunità di carriera per alcuni, è urgente trovare soluzioni innovative per ridurre la disparità di accesso per molti. Siamo orgogliosi di sostenere StudentFinance e le sue migliaia di studenti, per rimuovere il rischio dal loro investimento nell’istruzione e democratizzare l’accesso a questi preziosi abilità. ”

 

Sia Houchangnia, Partner di Seedcamp, ha commentato: “A Seedcamp, abbiamo seguito da vicino l’emergere degli ISA come meccanismo per facilitare l’accesso all’istruzione, allineando tutte le parti ‘ interessi. Con StudentFinance , crediamo di aver trovato la squadra giusta per costruire il leader della categoria europea in questo spazio. Mariano, Marta, Sergio e Miguel apportano molta esperienza imprenditoriale, nonché set di competenze altamente complementari e siamo estremamente entusiasti di sostenerli nella loro missione per consentire a milioni di europei di realizzare il loro pieno potenziale. “ [ 19459010]
 

XR Games, con sede a Leeds, raccoglie oltre 1,7 milioni di euro per espandere il suo portafoglio di giochi

XR Games, con sede a Leeds, raccoglie oltre 1,7 milioni di euro per espandere il suo portafoglio di giochi

         

Bobby-Thandi-XR-Games

         

Studio di giochi indipendente e sviluppatore di realtà virtuale XR Games ha oggi ottenuto un round di finanziamento € 1,7 milioni , guidato da Praetura Ventures insieme all’investitore ACT Capital Partners esistente.

 

Il finanziamento consentirà a XR Games di continuare a investire nello sviluppo e di espandere il proprio portafoglio di giochi attraverso nuovi progetti con studi cinematografici di Hollywood e società di intrattenimento e media di fama mondiale. Come parte dell’accordo, il direttore di Praetura Ventures, Mark Lyons, entrerà a far parte del consiglio come amministratore non esecutivo. Il supporto consentirà inoltre a XR Games di aumentare la propria capacità di contratti di lavoro a noleggio ed espandere il proprio team a Leeds.

 

Con sede a Leeds, XR Games è stata fondata nel 2017 ed è specializzata in giochi di realtà virtuale (VR) e realtà aumentata (AR) per proprietà intellettuali autorizzate. XR Games ha collaborato con grandi marchi tra cui Sony Pictures Virtual Reality e Rovio Entertainment per giochi per console VR, e ha recentemente pubblicato The Angry Birds Movie 2 VR: Under Pressure . Lo studio intende inoltre intraprendere diverse nuove partnership strategiche, tra cui una con una società di produzione innovativa con sede a Los Angeles.

 

Bobby Thandi, fondatore e CEO di XR Games, ha dichiarato: “Siamo incredibilmente entusiasti dell’investimento di Praetura in XR Games. Non solo condividono la nostra visione di crescita, si impegnano a sostenere le nostre ambizioni e possono fornire supporto strategico insieme a un’iniezione di capitale. Questo è stato un fattore molto importante nella scelta del nostro prossimo partner di investimento e il loro supporto rappresenta una pietra miliare significativa per la nostra attività. Insieme saremo in grado di far crescere il nostro team e continuare a costruire collaborazioni con i principali studi cinematografici per cogliere nuove opportunità andando avanti. “

 

Il team di Bobby comprende il regista non esecutivo Jason McGann, un creativo creativo e tecnico con oltre 30 anni di esperienza nella conduzione di studi di sviluppo di giochi di successo. Jason è stato co-fondatore di Rockstar Leeds (precedentemente Möbius Entertainment Limited), dove ha lavorato a importanti titoli nelle serie Grand Theft Auto e Midnight Club.

 

Praetura Ventures, la società impegnata a fornire capitale e supporto alle imprese in fase iniziale nel nord dell’Inghilterra, ha investito dal suo fondo EIS 2019 e ora lavorerà a stretto contatto con il fondatore e CEO Bobby Thandi e il suo team come eseguono la fase successiva della loro strategia di crescita. L’accordo è l’ottavo del 2019 di Praetura Ventures e il suo settimo investimento nel settore digitale e creativo dal 2014. L’azienda è uno dei sostenitori più attivi delle attività imprenditoriali nel nord dell’Inghilterra e il suo portafoglio comprende Sorted, Peak e SteamaCo.

 

XR Games opera in un mercato che ha visto i ricavi globali della realtà virtuale raggiungere lo scorso anno 7,2 miliardi di euro, con previsioni per il settore fino a 40 miliardi di euro entro il 2024, secondo i dati di mercati e mercati. Anche i principali produttori tra cui Facebook e HTC produrranno cuffie di prossima generazione nel corso del prossimo anno, con la notizia che Apple presenterà il proprio dispositivo nel 2020.

 

Mark Lyons, direttore di Praetura Ventures, ha aggiunto: “I giochi di realtà virtuale sono un’industria multi-miliardaria destinata a crescere significativamente nei prossimi cinque anni e mentre la tecnologia continua a progredire ad un ritmo rapido, XR Games è nella buona posizione per tenere il passo con questa domanda. Bobby ha costruito un business forte che pone al centro l’esperienza del consumatore e le relazioni con i clienti ed è un fantastico esempio del talento e delle capacità che abbiamo qui nel nord. La nostra missione è fornire alle aziende come XR i finanziamenti e il supporto di cui hanno bisogno per offrire grandi cose e che XR Games stabilirà saldamente un punto d’appoggio nel settore dei giochi VR. “