5 lezioni autentiche che ho imparato da quando sono diventato un imprenditore, Storia di Entrup, una startup francese con grandi ambizioni

Entrup è una startup basata su Lione Francia, fondata da 3 ottimi amici nel tentativo di rendere la collaborazione umana più semplice ed efficace.

Tom e Vince si conoscono da sempre. I loro padri sono amici d’infanzia, quindi sono praticamente cresciuti insieme. JB e Tom si sono conosciuti alla scuola di ingegneria nel 2008 (Telecom). Hanno iniziato a lavorare insieme sul progetto nel 2013, dapprima da quando Vince studiava in Canada mentre Tom e JB lavoravano a Parigi. Si sono tutti riuniti a Lione nel 2015, hanno lasciato il lavoro e hanno deciso di vivere insieme in uno studio di 25 m2 con i loro pochi risparmi per iniziare il loro progetto a tempo pieno.

In primo luogo, hanno creato una piattaforma simile a Tinder con l’obiettivo di abbinare potenziali partner in base alla complementarità delle competenze. Senza sforzi nella comunicazione (non avevano pagine social operative), hanno riunito 5.000 imprenditori in meno di 6 mesi sulla loro piattaforma. Hanno quindi lanciato un gioco serio che analizzava la compatibilità (valori, personalità, motivazioni) tra i partner e sono riusciti a convincere Michel e Augustin (fondatori francesi di successo) a usarlo.

Dopo un anno, hanno capito che amavano lavorare insieme e sapevano trarre vantaggio dalle loro differenze e complementarità, tanto da unirsi a un’avventura ambiziosa ed eccitante: Aster di Entrup.

Partendo dal nulla e non sapendo nulla, hanno creato 2 prodotti che hanno generato quasi 250.000 euro in 12 mesi e formato un team di 10 persone tra cui un ex direttore delle vendite di 47 anni che ha rinunciato a tutto per unirsi a loro e alla loro missione.

Dopo tutte queste esperienze , ci sono le 5 lezioni che hanno imparato, condivise da Vincent, CEO di Entrup:

1. Tutto inizia con una grande squadra

Alcune persone dicono che l’idea è tutto, ma penso che la squadra sia più importante perché hai bisogno di supporto per far crescere la tua idea e portarla nella fase del progetto. Un giorno, ci siamo semplicemente resi conto che ci sarebbe piaciuto più di ogni altra cosa creare qualcosa di impatto insieme. La parola importante qui è: “insieme”, anche se non siamo niente uguali!

Abbiamo personalità molto diverse che abbiamo imparato a padroneggiare, e ora scuote! Vince è un go-getter intuitivo, apre le porte e gli piace iniziare da un foglio bianco mentre Tom protegge le azioni, misura i rischi e affina ogni dettaglio per rendere l’esecuzione di successo.

Informazioni su JB, al di là della sua tecnologia la padronanza e il suo talento nel trasformare un’idea di prodotto in un prodotto che la gente ama, ha scoperto una grande sensibilità per la gestione del team sia per il team dei nostri partner che internamente. Questo trio magico è una risorsa per le operazioni, ma è anche una fonte di energia ed entusiasmo che spinge noi (e tutto il team) a superare gli obiettivi.

Essere un imprenditore è sinonimo di avere un team allineato nella visione e valori, qualcuno che ha capacità complementari e rispetto reciproco.

Siamo stati avvertiti molto all’inizio dell’avventura: “È pericoloso essere partner quando si è amici, ragazzi!”. 3 anni dopo, siamo ancora molto più vicini di prima. Niente è facile, ma la fiducia, il rispetto e l’ambizione che condividiamo ci rendono più forti e vicini. Per molte persone, questo è sorprendente. Per noi è divertente. 🙂 P>

2. Se non è firmato, non viene venduto

Questa è una regola che abbiamo imparato nel modo più duro. Pochi giorni per completare la nostra raccolta fondi, Entrup è stato abbandonato dal suo principale investitore. La sera abbiamo ricevuto una telefonata per dire: “scusa, ma non ti supportiamo più”, e questo è tutto. La raccolta di fondi, la seconda in tre anni, si è conclusa con un importo inferiore al previsto, 610.000 euro invece di 1 milione.

Il giorno dopo la chiamata ritirata, abbiamo avuto una riunione di crisi a Entrup. La priorità era rassicurare gli altri investitori sui nostri piani e sulla nostra strategia. In tre giorni abbiamo preparato un nuovo piano. Tutti ci hanno seguito, alcuni addirittura hanno messo più denaro del previsto.

Con il loro supporto, abbiamo quindi contattato la nostra banca con la quale avevamo iniziato a negoziare un prestito di 200.000 euro. Il prestito è stato concesso! Cosa abbiamo imparato da questo? L’imprevisto ti colpisce quando meno te lo aspetti e nei momenti più inappropriati, quindi preparati e sii pragmatico.

3. All’inizio, tutto il team dovrebbe concentrarsi su una cosa

Ogni start-up ha diverse fasi di crescita e i primi anni sono i più importanti, ecco perché, al fine di creare un’azienda stabile, devi mettere tutti i tuoi sforzi in un unico obiettivo e dopo averlo raggiunto devi trovarne un altro e così via.

Non hai bisogno che la tua squadra si concentri su 3 questioni diverse, devi concentrarti solo su uno, ma per farlo alla grande. Nel nostro caso, ci siamo concentrati prima sul prodotto. Dopo aver creato Aster, il nostro prodotto, abbiamo iniziato a concentrarci sul processo di vendita ai clienti. Ora siamo concentrati sulla parte di consegna e su come renderla efficace in modo che le persone si impegnino con il nostro prodotto.

4. Il reclutamento è il processo più importante di una startup

Il reclutamento nelle prime fasi dell’esistenza di una start-up è un processo molto strategico ei primi dipendenti sono importanti quanto i fondatori. Trovare le persone giuste non solo ti porterà le loro abilità, ma ti farà anche risparmiare tempo e denaro e avrai qualcuno su cui poter contare anche se non fa parte della squadra dall’inizio. Trova persone di cui ti puoi fidare e che sono pronti a seguirti e ad impegnarti nella tua missione.

5. Non mollare mai

Anche se siamo arrivati ​​all’ultimo passo, siamo stati recentemente respinti dal Combinatore Y. È stato un po ‘deludente, ma manteniamo la stessa mentalità di crescita. Abbiamo avuto dei momenti davvero difficili da quando abbiamo iniziato la nostra avventura imprenditoriale.

Ci aspettavamo di essere duri e difficili, ma è stato ancora più difficile del previsto, ma allo stesso tempo è stato più impegnativo , più motivante e più coinvolgente di quanto abbiamo mai pensato. Penso che quando sei un imprenditore, in media, ricevi più cattive notizie che buone notizie, ma scegli di concentrarti su quelle buone per mantenerti motivato ed essere entusiasta del prossimo giorno / avventura.

section>