Sei appena stato respinto? Queste 9 storie di successo ispiranti ti aiuteranno a riprenderti

C’è una moltitudine di lotte che sono coinvolte nella conduzione di un’impresa commerciale di successo. La strada per la gloria è al tempo stesso dura e faticosa, e talvolta possono finire per farti pagare un pedaggio fino al punto di gettarti la spugna. Una di quelle lotte sta affrontando il rifiuto. Non dovresti impazzire e prendere decisioni affrettate solo perché qualcuno pensa di non essere buono.

Potresti aver sentito parlare di importanti società di unicorni, la iniziative da miliardi di dollari che sono sempre di tendenza e hanno un impatto enorme nel mondo delle startup. Ciò di cui non sei a conoscenza è quanta lotta hanno dovuto affrontare i fondatori per raggiungere l’apice del successo. Ecco alcuni approfondimenti su alcune delle aziende iconiche che hanno avuto un inizio difficile e sono state respinte più volte prima di concludere finalmente i loro affari inafferrabili.

FanDuel (rifiutato 80 volte dagli investitori)

Questi Stati Uniti basato su un fornitore di sport fantasy è un’azienda relativamente sconosciuta che è venuta fuori dall’erba alla grazia . Prima della sua ascesa alla gloria, questa società era conosciuta come Hubdub, e iniziò da umili origini in Scozia. Hanno subito un numero piuttosto elevato di rifiuti prima di sbarcare i loro primi investitori. Ora FanDuel è la seconda più grande società di sport di fantasia da miliardi di dollari negli Stati Uniti.

Adaptive Insights (respinta 70 volte dagli investitori)

Questa è una di quelle società di unicorni che affrontato in modo massiccio rifiuti da potenziali investitori prima di sfidare le probabilità e diventare una società da miliardi di dollari. Il fondatore Robert Hull consiglia ai fondatori di startup di non prestare molta attenzione ai rifiuti ma di concentrarsi sulla propria attività. Dice che molte persone hanno parlato di come i suoi affari fallirebbero.

Va ​​anche avanti per rendere conto di come ha dovuto sacrificare e andare per mesi senza uno stipendio. A un certo punto la lotta divenne insopportabile che Hull prese in considerazione la vendita dell’azienda e fu allora che ottenne il suo primo investitore che offrì 7 milioni di dollari per far andare avanti l’azienda. Ora è un uomo d’affari rispettato in tutto il mondo.

Hotmail (respinto 20 volte dagli investitori)

Hotmail è stato sviluppato da Jack Smith e Sabeer Bhatia nel 1996. Bhatia ha inventato idea di condividere e-mail tramite browser che fossero allo stesso tempo veloci e convenienti. Poiché l’idea non è stata testata, tutti gli investitori a cui si sono avvicinati hanno rifiutato la propria offerta senza alcun interesse. Nonostante i rifiuti di alcuni investitori credibili , non hanno perso affatto la speranza. Sapevano che l’idea era eccezionale e tutto ciò che volevano era il finanziamento per mantenerlo ancora migliore.

Dopo un’intensa e approfondita ricerca, si sono imbattuti in Draper Fisher Jurvetson che ha accettato di offrire loro un totale di $ 300.000 per il progetto . Alla fine hanno terminato il progetto e Hotmail è diventata una delle piattaforme di mailing più utilizzate in tutto il mondo. Aveva milioni di utenti in pochissimo tempo, la maggior parte dei quali erano americani e in seguito il mondo. La sua popolarità ha fatto muovere Microsoft e ha accettato di acquistare Hotmail nel 1997 per $ 400 milioni.

Harry Potter (rifiutato da 12 editori)

La serie di romanzi di Harry Potter è una delle il più dopo i libri per bambini di tutti i tempi. Soprannominato il primo autore miliardario del mondo, JK Rowling ha trascorso cinque buoni anni a mettere insieme la serie. Pensava che la cosa più difficile fosse finire la serie di libri ma non conosceva il numero di rifiuti che avrebbe attraversato prima di pubblicare il suo primo libro. Ora è una nota scrittrice e i suoi libri vivono attraverso film, un parco a tema e un paio di videogiochi. Se JK Rowling avesse rinunciato a seguito dei rifiuti, non avremmo mai l’ambita serie di libri di Harry Potter.

Airbnb (rifiutato 7 volte dagli investitori)

Questo è uno dei più grandi compagnie di unicorni nel 21 ° secolo. Airbnb un sito Web online che consente a te o chiunque di elencare il tuo servizio di bed and breakfast. I fondatori Brian Chesky e Joe Gebbia hanno iniziato con nient’altro che un paio di dollari, dopo alcuni convincenti, hanno ottenuto il loro primo cliente.

I fondatori hanno subito molte critiche, alcune delle quali sono state pubblicate online. La prima persona a cui si sono avvicinati per investire ha dato l’idea, ma ciò non ha impedito loro di cercare più investitori. I fondatori di Airbnb hanno superato tutte queste sfide e sono diventati una delle più grandi imprese del secolo dopo essere stata respinta 7 volte .

Apple (rifiutata 5 volte da HP)

Apple è una delle aziende di maggior successo di tutti i tempi e ha i suoi prodotti sparsi il globo. Prima che Apple diventasse un nome familiare e una società tecnologica multimiliardaria, attraversarono parecchie difficoltà. I suoi fondatori Steve Jobs e Steve Wozniak hanno realizzato il loro primo computer con parti prese in prestito da Nolan Bushnell, il fondatore di Atari.

Dopo aver sviluppato il computer, Steve e il suo co-fondatore hanno offerto a Bushnell un terzo della loro azienda presso $ 50.000 ma aveva le sue priorità erano altrove, quindi decise di rifiutare la generosa offerta. Wozniak ha quindi cercato di offrire il design al suo datore di lavoro HP (all’epoca noto come Hewlett Packard) in modo assolutamente gratuito ma hanno rifiutato l’offerta cinque volte .

Apple ha continuato a essere la società dietro i prodotti iconici come iPhone, iPod e iMac. Ora è l’azienda più preziosa al mondo e continua a fare notizia con le sue linee uniche di prodotti. Questa azienda è una delle migliori aziende che hanno rivoluzionato la tecnologia.

Dropbox (respinto due volte da Y Combinator)

Il proprietario di Dropbox, Drew Houston, ha partecipato al MIT e voleva entrare nel ambito programma Combinatore Y ma è stato rifiutato due volte . La prima volta che ha avuto l’idea di preparazione alla SAT e la sua lettera di rifiuto ha notato che “Deve esserci qualcosa che puoi costruire meglio di una società di preparazione alla SAT”. Ha quindi trascorso un anno cercando di inventare l’idea che lo avrebbe preso accesso diretto a Y Combinator.

In seguito ha realizzato una terza applicazione con l’idea di Dropbox che avrebbe posto fine al caricamento o all’invio tramite e-mail degli allegati. Questo finalmente gli ha dato l’opportunità che voleva, e ora Dropbox è una delle aziende più preziose e conosciute al mondo. Drew Houston è uno dei più giovani miliardari della Silicon Valley. Se avesse smesso dopo i rifiuti, non saremmo mai venuti a interagire con il semplice modo di condividere i file.

Honda (respinta da Toyota Motors)

Il fondatore di Honda Motors Soichiro Honda aveva una passione per le auto e le parti durante la sua giovane età. Andò a Tokyo e iniziò a lavorare in un negozio di auto come cuoco. Questo perché gli mancava l’educazione formale che gli avrebbe permesso di lavorare come ingegnere. Vedendo quanto Soichiro fosse appassionato di automobili, il direttore del negozio di automobili decise di provarlo. Soichiro ne è valsa la pena e ha guidato il successo del negozio di automobili che è stato nominato manager in una delle filiali. Ha iniziato a sviluppare un nuovo anello del pistone, ma nessuno degli amministratori ha approvato il suo progetto .

Così ha lasciato il negozio di automobili e pochi anni ha completato la sua invenzione. Si avvicinò quindi ai motori Toyota per vendergli l’idea, ma lo rifiutarono affermando che la fascia elastica era scadente. Dopo essere stato deluso un paio di volte, ha rinunciato e ha iniziato ad attaccare un motore alle biciclette. L’idea si è dimostrata valida e ha inviato lettere a 18.000 proprietari di negozi di motociclette, e solo 5.000 di loro hanno risposto. Ha quindi iniziato a importare le motociclette in Europa e negli Stati Uniti. Successivamente ha finito per costruire una società multimiliardaria chiamata Honda Motors che è diventata popolare in tutto il mondo.

Google (rifiutato quando ha cercato di vendersi per $ 1 milione di dollari)

Mentre sviluppando Google, i proprietari Larry Page e Sergey Brin stavano studiando a Stanford. Pensavano che questo progetto richiedesse troppo tempo e volevano venderlo in modo da poter concentrarsi sulla loro istruzione. Si sono avvicinati al CEO George Excite di George Bell con un prezzo richiesto di un milione di dollari ed era troppo veloce per rifiutare l’offerta . George Bell in seguito si avvicinò ai due imprenditori e offrì loro $ 750.000 che rifiutarono e invece gli chiese di aggiungere un po ‘di più per gli investimenti, ma non di acquistarli. Senza dire nulla, Bell se ne andò.

Fu allora che cinque mesi dopo due compagnie accettarono di iniettare 25 milioni di dollari e Google divenne una delle aziende più grandi e di maggior successo al mondo che continua a fare grandi passi in giro per il mondo.

Le vere esperienze di lavoro sopra menzionate dovrebbero ricordarti che quando qualcuno dice “No” alla tua attività, ciò non significa che sia tutto negativo, ma è solo che non lo capiscono ancora o non sono in grado di comprenderne il valore. Queste storie vere ci mostrano che anche i fondatori di aziende iconiche hanno dovuto subire una sorta di delusione prima che i loro sogni diventassero realtà, quindi non rinunciare ai tuoi.

Bill Stinnett rivela come ha costruito l'eccellenza delle vendite, una società di formazione alle vendite da un milione di dollari

Benvenuto nelle nostre lezioni del fondatore a > serie. Questa settimana, il fondatore del Sales Excellence Bill Stinnett rivela come ha iniziato e gestisce la sua società di formazione alle vendite. Sales Excellence International è un fornitore globale di formazione e consulenza per le vendite che fornisce assistenza a una varietà di aziende grandi e piccole di una vasta gamma di settori. La società si concentra principalmente sulla vendita di biglietti di grandi dimensioni nei settori della tecnologia, delle telecomunicazioni e degli investimenti in capitale. L’eccellenza delle vendite è specializzata nell’uso della tecnologia più recente per offrire formazione ai clienti su richiesta, quando e dove è necessaria la formazione.

Perché e come è iniziata l’eccellenza delle vendite?

L’eccellenza delle vendite è iniziata nel un modo molto curioso. Come commesso di carriera, nel corso degli anni ho avuto l’opportunità di partecipare a diversi seminari di formazione alla vendita. Quando mi sono seduto in quei seminari, alcuni dei quali presentavano buoni contenuti, ho sempre pensato a me stesso mentre guardavo la persona che presentava: “Wow, potrei fare di meglio!” Mi ha iniziato a pensare che forse una carriera nella formazione e nella consulenza sarebbe essere un futuro decente per me.

Dopo diversi anni nelle vendite di software aziendali, gestendo transazioni multimilionarie con aziende Fortune 1000, ho deciso che avrei potuto aiutare altri venditori a imparare come fare gli stessi tipi delle cose che stavo facendo. Senza molta preparazione e pianificazione, ho lasciato il mio lavoro presso una grande azienda tecnologica e ho iniziato l’eccellenza delle vendite nell’autunno del 2001.

Quali sono stati i principali fattori di successo?

Fin dal primo giorno, il mio pensiero era quello di creare esperienze di apprendimento collaborativo e su misura in modo che ogni impegno fosse unico in base a ciò di cui i nostri clienti hanno bisogno, in contrapposizione all’approccio unico per tutte le aziende di formazione alla vendita. Vogliamo capire i team di vendita sul campo e le sfide che devono affrontare sul mercato. Da quel luogo di comprensione, offriamo contenuti ed esperienze di apprendimento utilizzando una varietà di media. Questo approccio personalizzato e collaborativo è stato sicuramente determinante per il nostro successo.

Un altro fattore del nostro successo in Sales Excellence è che non abbiamo mai avuto paura di espanderci in nuove aree e apprendere nuove cose basate su bisogni del cliente. Un esempio di questo potrebbe essere il nostro allontanamento da un’impostazione rigorosamente aula a un apprendimento virtuale on demand sotto forma di seminari video live e moduli di apprendimento online.

Quali sono le maggiori sfide che hai dovuto affrontare lancio e gestione dell’eccellenza commerciale?

La più grande sfida del lancio e gestione dell’eccellenza commerciale è stata quella di bilanciare le vendite, lo sviluppo e la consegna di contenuti e materiali. Poiché utilizziamo sempre un approccio su misura e non disponiamo di un prodotto unico per tutti, c’è uno sviluppo significativo in ogni progetto importante.

È stata anche una sfida replicare il nostro livello esperienza di livello inferiore man mano che ci espandiamo, in particolare ai mercati internazionali. Gran parte di questa sfida è stata l’acquisizione del giusto tipo di talento in varie regioni, individui che rappresenteranno la nostra azienda nel modo che desideriamo. Abbiamo bisogno di persone in questi ruoli che abbiano il carisma e la presenza per attirare l’attenzione di un pubblico attento e critico dei professionisti delle vendite.

Quale ritieni sia più importante: il mercato giusto, il prodotto giusto o la squadra giusta?

Tutti e tre questi fattori sono assolutamente cruciali per il successo a lungo termine; tuttavia, il più importante di questi per il successo di Sales Excellence è stato il prodotto giusto a causa del nostro impegno nello sviluppo di ciò di cui i nostri clienti hanno bisogno al momento del servizio. Questo impegno ci ha permesso di anticipare le tendenze e sviluppare corsi, contenuti e materiale che sono rilevanti per i nostri clienti.

Ad esempio, poiché il mondo delle vendite di tecnologia è diventato più complicato e più aziende stanno incorporando una RFP (Richiesta di proposta) nel loro processo di acquisto, abbiamo sviluppato un corso specificamente focalizzato sull’aiutare i nostri clienti a rispondere alle RFP. Abbiamo anche scoperto che molti dei nostri clienti che vendono attraverso i partner di canale e la distribuzione avevano davvero bisogno di aiuto su come gestire le loro relazioni con i distributori. Di conseguenza, abbiamo sviluppato un prodotto che risponde specificatamente a tale esigenza.

Parole finali per chi insegue il sogno di startup

Mi sembra che nessun imprenditore possa riuscire senza essere profondamente appassionato di fare il lavoro. In altre parole, “Devi innamorarti del lavoro”. Potresti avere una grande idea per un’azienda e anche vedere un forte bisogno nel mercato per questo, ma se non sei disposto ad alzarti giorno dopo giorno entusiasta di perseguire quel sogno di startup, sarà quasi impossibile superare le sfide della gestione di una startup.

Penso anche che sia importante trovare altre persone che hanno già fatto quello che vuoi fare. È sorprendente quante di quelle persone saranno disposte ad aiutarti e offrirti consigli. Ho avviato la mia attività dopo aver pranzato con un trainer di vendita di grande successo che ha detto: “Cosa stai aspettando? Inizia la tua attività. ”L’eccellenza delle vendite è entrata nel mondo dell’e-learning e dell’apprendimento online quando un gentiluomo che era un autore e un trainer molto famosi mi ha mostrato quello che stava facendo e mi ha detto:“ Perché non lo fai anche tu? “

Non c’è niente di così potente come stare con le persone che hanno già fatto quello che vuoi fare. Non isolarti mai e cerca di capirlo da solo. Fai amicizia con altre persone che stanno facendo le stesse cose e hanno avuto successo. Penso che scoprirai che anche loro vogliono aiutarti ad avere successo.

Vertice Startup Europa a Sofia per concentrarsi sulla leadership tecnologica, sulla crescita aziendale e sui finanziamenti

The Startup Europe Summit, il raduno annuale dell’Europa con innovatori, investitori e policy maker , si svolgerà a Sofia domani, 15 novembre 2018. Il vertice, che quest’anno si concentrerà sulle regioni dell’Europa centrale e orientale e sui Balcani occidentali, riunirà oltre 500 rappresentanti dell’ecosistema imprenditoriale europeo distribuiti da investitori, amministratori delegati e acceleratori per le autorità europee e i giornalisti tecnologici.

In questa occasione, Commissario per l’economia digitale e La società Mariya Gabriel ha dichiarato:

“Sono particolarmente lieto di ospitare il vertice Startup Europa di quest’anno a Sofia, con particolare attenzione all’Europa centrale e orientale e alla regione dei Balcani occidentali. Il vertice presenterà discussioni stimolanti e presenterà ulteriori idee per collegare il potenziale, il dinamismo e creatività delle start-up in queste regioni con iniziative politiche dell’UE. Un esempio pertinente è Agenda digitale per i Balcani occidentali < / a>, che abbiamo lanciato a giugno a Sofia con i leader dei Balcani occidentali con l’obiettivo di sostenere i partner regionali per portare a termine la loro trasformazione digitale e apportare vantaggi e opportunità a cittadini e imprese. ”

Annuncerà anche i vincitori dei 2017 Startup Europe Awards un’iniziativa di la Commissione mirava a presentare e onorare le startup più importanti nell’UE e nei paesi vicini.

Ulteriori informazioni

Dichiarazione comune Rafforzare l'ecosistema tecnologico dell'imprenditorialità dei Balcani dell'Europa centrale e orientale e dell'Europa occidentale

Dichiarazione comune Rafforzare l'ecosistema tecnologico dell'imprenditorialità dei Balcani dell'Europa centrale e orientale e dell'Europa occidentale

Una nuova dichiarazione firmata da organizzazioni che rappresentano startup in Europa centrale e orientale Membro dell’Unione Stati e Balcani occidentali delineano impegni concreti per rafforzare il potenziale di crescita regionale delle regioni e dei suoi imprenditori.

 2 netkans CEE works

Il 15 novembre è stata firmata una dichiarazione congiunta che rafforza l’ecosistema tecnologico e imprenditoriale dei Balcani dell’Europa centrale e orientale e delle organizzazioni che rappresentano startup dell’Europa centrale e orientale Stati membri dell’UE e dei Balcani occidentali.

La rivoluzione digitale offre grandi opportunità di crescita e innovazione in entrambe le regioni, che hanno risorse importanti come un grande pool di persone di talento con forti competenze ICT, una comunità di startup in crescita dinamica e un rapido miglioramento delle infrastrutture e della connettività, nonché della prossimità ai grandi mercati.

Le start-up, in particolare, possono aiutare a trasformare le economie e le società locali in entrambe le regioni, creando al contempo posti di lavoro di alta qualità. Tuttavia, le startup continuano ad affrontare sfide che impediscono loro di realizzare il loro pieno potenziale come la frammentazione degli sforzi per sostenerli, la burocrazia e gli investimenti insufficienti. È quindi necessario uno sforzo di cooperazione per migliorare gli ecosistemi di startup in entrambe le regioni, fornire un ambiente favorevole all’innovazione e consentire alle startup e alle PMI digitali di ampliare e partecipare al mercato unico digitale dell’UE.

La Dichiarazione è stata firmata ai margini della Startup Europe Summit , il raduno annuale dell’Europa con innovatori, investitori e policy maker. Il vertice, che quest’anno si è concentrato sulle regioni dell’Europa centrale e orientale e sui Balcani occidentali, ha riunito oltre 500 rappresentanti dell’ecosistema imprenditoriale europeo che spaziavano da investitori, amministratori delegati e acceleratori alle autorità europee e ai giornalisti tecnologici. In questa occasione, Commissario Mariya Gabriel, per l’economia e la società digitale, ha dichiarato:

Sono particolarmente lieto di ospitare il vertice Startup Europe di quest’anno a Sofia, con particolare attenzione all’Europa centrale e orientale e alla regione dei Balcani occidentali. Il vertice ha offerto discussioni stimolanti e presenta ulteriori idee per collegare il potenziale , dinamismo e creatività delle startup in queste regioni con iniziative politiche dell’UE. Un esempio pertinente è < em> Agenda digitale per i Balcani occidentali , che abbiamo lanciato a giugno a Sofia con i leader dei Balcani occidentali con l’obiettivo di sostenere i partner regionali per portare a termine la loro trasformazione digitale e apportare benefici e opportunità ai cittadini e alle imprese. ”

Creare collegamenti più forti tra i diversi hub di avvio negli Stati membri dell’Europa centrale e orientale e nei Balcani occidentali

I firmatari della Dichiarazione lavoreranno ora insieme per stabilire legami più forti tra i diversi hub di avvio nei rispettivi paesi, promuovere una maggiore cooperazione e specializzazione e collegare gli ecosistemi di avvio dell’Europa centrale e orientale e dei Balcani occidentali a hub europei più maturi, quindi come attingere alle loro competenze e risorse.

Ulteriori informazioni relative alle reti e alle sue attività:

Startup Europe Central and Eastern Europe Network

Contatto: Sig.ra Krisztina Toth , Direttore Affari Societari, Gruppo Europa Media .

Startup Europe Central Western Balkans Network

Contatto: Sig.ra Vesna.Ivanoska , Direttore Generale, Seavus Education & Development Center.

Liberare il potenziale delle startup in Europa: l'imprenditoria europea in azione

Le startup tecnologiche sono uno dei fattori chiave del mercato unico digitale dell’Unione europea strategia. In caso di successo, aiutano a far crescere la nostra economia, a creare innovazione e occupazione. L’emergere di campioni digitali europei è essenziale se l’Europa deve stare al passo con la corsa tecnologica globale e trovare soluzioni per aiutare la nostra economia a prosperare. In breve, l’Europa ha bisogno di un ecosistema di avvio forte e dinamico.

Scheda completa: inglese Bulgarian