La startup femtech di Berlino, Inne, raccoglie 8 milioni di euro per offrire una contraccezione più naturale alle donne

La startup femtech di Berlino, Inne, raccoglie 8 milioni di euro per offrire una contraccezione più naturale alle donne

         

inne

         

La startup femtech con sede a Berlino Inne , un “mini laboratorio basato su ormoni per le donne” e “strumento di radicale conoscenza di sé”, ha raccolto 8 milioni di euro in finanziamenti della Serie A guidati da Blossom Capital.

 

Al round partecipano Monkfish Equity, uno dei primi sostenitori della compagnia, oltre a diversi importanti investitori angel.

 

Inne è stata avviata nel 2017 da Eirini Rapti che in precedenza aveva trascorso anni lavorando nel settore sanitario. Rapti era motivata dal suo desiderio di usare la contraccezione naturale, ma si rese conto che i metodi tradizionali di fertilità naturale erano quasi impossibili da usare in modo affidabile nella vita reale.

 

Rapti era determinato a trovare un modo di sfruttare la tecnologia per consentire a tutte le donne di avere una maggiore comprensione del proprio corpo e assumere il controllo delle proprie scelte contraccettive, in modo che potessero sfruttare al meglio le loro carriere e relazioni. Eirini iniziò a sviluppare un dispositivo biosensore per la saliva che consentisse alle donne di identificare e prevedere la fase fertile nel loro ciclo naturale.

 

Basandosi sulla propria esperienza e attraverso più interviste agli utenti, Rapti ha capito che un nuovo prodotto doveva essere compatibile con una vita quotidiana impegnata, semplice e igienico da usare e più approfondito rispetto alle app di localizzazione del periodo già presenti sul mercato.

 

Rapti ha creato un team interfunzionale di scienziati, designer e ingegneri che hanno sviluppato il biosensore e il lettore, nonché l’app connessa. Il dispositivo sarà disponibile entro la fine dell’anno, dopo aver ottenuto la certificazione medica in Europa.

 

“È difficile passare un giorno senza leggere i titoli delle giovani donne e della loro fertilità. Le donne vogliono saperne di più sul loro corpo e su come controllare la loro salute riproduttiva “, Rapti ha detto in una dichiarazione.

 

“Potrebbero avere delle preoccupazioni su quando sia il momento giusto per iniziare una famiglia o potrebbero aver già deciso di non voler assumere ormoni a causa degli effetti collaterali che sperimentano. Molte donne ritengono che le opzioni attuali non soddisfino le loro esigenze.

 

“Voglio che le donne inizino presto a sintonizzarsi sui loro ormoni in modo da capire di più sul loro corpo. La maggior parte delle donne pensa alla propria fertilità solo quando cerca di concepire e questo diventa altamente stressante e controproducente. Tuttavia, se hai un’idea di come funziona il tuo corpo da un’età precedente, puoi capire come darti la migliore possibilità di iniziare una famiglia in un momento adatto a te. “

 

“Inne ha una combinazione vincente di validità scientifica più usabilità che può consentire alle donne di comprendere meglio il proprio corpo in tutte le fasi della loro vita”, ha dichiarato Louise Samet, partner di Blossom Capital. “Ciò che ci ha veramente impressionato è la meticolosa attenzione del team sul design e la facilità d’uso insieme alla validità scientifica e alla chiara ambizione di avere un impatto sulle donne di tutto il mondo. Siamo davvero entusiasti di unirci a Eirini e al suo straordinario team nella prossima tappa del loro viaggio. ”

 

“Abbiamo osservato il modo in cui Eirini ha messo insieme una squadra molto impressionante e il suo approccio meticoloso allo sviluppo del prodotto e del modello di business”, ha affermato Dirk Freise, fondatrice di Shortcut Ventures. “Le donne stanno scaricando app di localizzazione periodica, ma queste mancano di informazioni reali o valore per i loro utenti. Inne analizza i dati raccolti e li rende significativi e utili. Abilitare il controllo delle nascite senza sostanze chimiche è un enorme passo avanti per le donne di tutto il mondo. “

 

Inne utilizzerà i nuovi finanziamenti per espandere il proprio team, attinto da tutti gli angoli dell’Europa. I nuovi assunti includeranno ingegneri del software, membri della progettazione e delle operazioni.

 

L'app di investimento azionario con sede a Londra, Freetrade, raccoglie 13,4 milioni di euro nella serie A di finanziamenti

L'app di investimento azionario con sede a Londra, Freetrade, raccoglie 13,4 milioni di euro nella serie A di finanziamenti

         

freetrade-founders

         

Start-up con sede a Londra Freetrade , un’app di investimento azionario senza commissioni, ha raccolto un round della Serie A di 13,4 milioni di euro, di cui 6,7 milioni di euro da una delle principali società europee di capitali di rischio, Draper Esprit.

 

Come parte di questo round, Freetrade ha raccolto € 1,16 milioni in 77 secondi – il rilancio più veloce di sempre su Crowdcube – battendo il precedente record detenuto da Monzo. Contemporaneamente, Freetrade ha sollevato oltre il 400% del suo obiettivo originale, da 5.000 dei membri della sua comunità. I fondi raccolti quest’anno verranno utilizzati per continuare ad accelerare la già rapida crescita dell’azienda, assumere un team di livello mondiale, raddoppiando le assunzioni di ingegneria e l’espansione del mercato. Ridimensionando il team, Freetrade sarà in grado di migliorare notevolmente lo spazio di intermediazione e l’esperienza dei consumatori in Europa.

 

“Questo rappresenta un momento cruciale per noi mentre continuiamo a costruire un’app di investimento fluida ed economica nel Regno Unito e in Europa”, ha affermato Adam Dodds, CEO e fondatore di Freetrade. “Siamo entusiasti di avere Draper Esprit, un’azienda di VC con valori simili e che si impegna a consentire a tutti di ottenere una fetta delle aziende di domani, unirsi a noi in questo viaggio. Fin dall’inizio, ci siamo concentrati sul rendere Freetrade l’app della schermata iniziale per gli investimenti. Con questo investimento, saremo in grado di far salire di livello il nostro team e sviluppare ulteriormente la nostra tecnologia proprietaria che ci consentirà di lanciare la nostra nuova piattaforma di investimento, offrendo agli utenti la possibilità di acquistare non solo le quote frazionarie statunitensi ma britanniche ed europee – un mondo prima! ”

 

Con oltre 17 milioni di millenni nel Regno Unito, Freetrade sta facendo passi da gigante per risolvere il problema dell’ampliamento della disuguaglianza generazionale. Laddove gli operatori storici addebitano fino a £ 12 per operazione, Freetrade addebita £ 0 per gli ordini di base (eseguiti alle 16:00) o solo £ 1 per un ordine istantaneo, rimuovendo le attuali barriere all’ingresso e offrendo una maggiore opportunità di risparmio e beneficio dal mondo crescita economica. Freetrade ha già riscontrato un grande successo tra un pubblico più giovane con un’età media di 30 anni, l’8% di crescita settimanale dei clienti e un vivace forum della comunità in cui i consumatori possono discutere di tendenze di investimento, titoli e altro ancora.

 

“Freetrade è in missione per aprire opportunità di investimento per tutti, come lo siamo noi. In questo senso, la loro missione è totalmente allineata alla nostra, come un raro VC focalizzato sulla tecnologia quotato in borsa ”, , ha dichiarato Simon Cook, CEO di Draper Esprit.

 

“La società ha mostrato una crescita eccezionale in breve tempo da quando ha lanciato la piattaforma per la prima volta l’anno scorso. Non potremmo essere più felici di sostenere Adam, Viktor, Ian e il loro team più ampio poiché consentono ai 100 milioni di millenni europei di beneficiare della crescita economica mondiale. “

 

Pan-European VC btov Partners chiude il nuovo Fondo per la tecnologia industriale a € 100 milioni

Pan-European VC btov Partners chiude il nuovo Fondo per la tecnologia industriale a € 100 milioni

         

btov-ventures

         

Fondo paneuropeo per VC btov Partners ha annunciato la chiusura del suo Fondo per le tecnologie industriali con l’obiettivo di 100 milioni di euro, rendendolo uno dei maggiori fondi europei per la fase iniziale VC dedicati al settore industriale investimenti tecnologici.

 

Fondata nel 2000, btov Partners è una società europea di capitali di rischio con uffici a Berlino, Monaco, San Gallo e Lussemburgo, con particolare attenzione alle società di tecnologia digitale e industriale.

 

Il Fondo era guidato dai partner Robert Gallenberger, Benedikt Kronberger, Christian Reitberger e Christian Schütz. Beneficia di un’ampia base LP composta da imprenditori, family office, fondi, investitori aziendali e istituti bancari, nonché da investitori pubblici EIF, LfA e NRW Bank.

 

La base LP comprende numerosi paesi europei tra cui Germania, Svizzera, Austria, Danimarca, Lussemburgo, Francia e Turchia.

 

“Siamo molto grati per la fiducia di così tante istituzioni europee, importanti società industriali e individui che sono entrati a far parte degli LP del Fondo per la tecnologia industriale negli ultimi mesi”, ha affermato il Dr. Christian Reitberger. “Sottolinea il nostro obiettivo di servire l’intera comunità europea delle startup industriali, capitalizzando le nostre solide radici nella regione DACH.”

 

Il team di investimento sta affrontando un flusso di affari molto forte da tutta Europa.

 

“Continuiamo a perseguire le aree sopra menzionate, ma mireremo anche ad aggiungere società di portafoglio nelle nostre altre aree di ricerca, come strumenti di progettazione e sviluppo, elettronica e fotonica, mobilità avanzata e nuove tecnologie energetiche” btov ha detto in una dichiarazione.

 

Una recente analisi btov di quasi 190 singole uscite (vendite commerciali e IPO) di start-up europee nei settori tecnologici pertinenti nell’ultimo decennio mostra che i volumi di uscita totali sono più che raddoppiati, da circa 4 miliardi di euro nel prima metà del periodo, 2010-2014, a circa € 10 miliardi nella seconda metà, dal 2015 al 2019.

 

“Gli acquirenti aziendali dall’Europa e dall’estero riconoscono la crescente sostanza tecnologica, le opportunità di mercato e il valore strategico delle startup europee della tecnologia industriale che si manifesta nel tempo aumentando i volumi delle transazioni (in euro). Sebbene non possiamo puntare con precisione agli sbalzi di attività di fusione e acquisizione, il raddoppio complessivo del valore realizzato è un segnale incoraggiante per il futuro. “

 

Attuando una strategia di investimento nella fase iniziale, sarà fondamentale per il team sviluppare ancora di più e acquistare in anticipo dall’ecosistema europeo degli investitori in crescita.

 

“Siamo molto felici di vedere i grandi fondi internazionali che entrano lentamente nel campo della tecnologia industriale in Europa”, , ha dichiarato Benedikt Kronberger. “Siamo impegnati a costruire legami ancora più forti con la comunità degli investitori in crescita per sviluppare un dialogo continuo e sufficientemente dettagliato tra gli investitori nella fase iniziale e in quella avanzata. Siamo in grado di costruire società molto grandi nel nostro settore, ma richiede finanziamenti di follow-up sufficienti e KPI adattati, nonché pietre miliari per giudicare adeguatamente i primi risultati e la trazione nel contesto della validazione industriale, della certificazione e dei cicli di vendita. Riconoscere i primi segni di successo al momento giusto offrirà enormi opportunità di ampliamento in quello che consideriamo il nucleo industriale della nostra economia europea. ”

 

“Sembra che ci siano ancora molti pregiudizi sul mercato per quanto riguarda l’efficienza del capitale delle startup industriali”, ha aggiunto Schütz. “Le nostre aziende spesso prenderanno più capitale prima di poter raggiungere numeri a doppio milione di cifre rispetto alle società B2C. Tuttavia, l’efficienza complessiva del capitale può essere molto migliore, dal momento che le aziende industriali per la maggior parte del tempo devono investire significativamente meno nella costruzione del marchio e raggiungere tassi di fidelizzazione dei clienti più elevati. “

 

Antibodies.com Co-Founder Shares How His Team Launched a Marketplace That Helps Life Scientists to Purchase Critical Research Reagents

Welcome to our founder lessons series.

This week, Antibodies.com co-founder, Dr Stewart Newlove reveals how he and his partner launched a business that supplies cost-effective antibodies, proteins, and assays for life science research.

Tell us about Antibodies.com

Antibodies.com is headquartered in Cambridge (UK), which is a hub for life science research, and an inspiring place with all the discoveries being made right on our doorstep. We provide research and diagnostic reagents to life scientists around the world, and in this way are helping to accelerate societies’ understanding of biology and the causes of disease. Specifically, we supply primary and secondary antibodies, proteins and peptides, immunoassays and kits, as well as other companion products.

Why and how did you start your company

The reason my business partner and I started Antibodies.com was because we noticed issues with the scientific research products market, particularly with antibodies. Fundamentally, products are sourced from a primary manufacturer, rebranded and sold to researchers at an unreasonably high price, due to the marketing and operational costs involved. This meant that end-users were not getting the cost-effective products they needed to ensure that their lab budgets were used in the most efficient way. In light of this, we decided to set up our own company.

Our products are sourced from the same primary manufacturers, but by operating a lean business model and not altering the branding on the products, we can deliver them at a lower price to our customers. Ultimately, we are trying to change the market to make it more transparent and beneficial to scientists who depend upon these products to carry out ground-breaking research.

What has been your biggest success factors

Persistence has been the key to success so far for Antibodies.com. There are two main scenarios in which persistence is needed. The first being that on some occasions, ideas or approaches prove not to be successful, which can be difficult to accept, particularly if they have required a lot of time and money.

However, these sorts of failures are inevitable, and the key to success is being able to demonstrate resilience through challenging times. The second scenario being that on other occasions, an initiative may not appear to be fruitful at first, but might end up being a rewarding venture later down the line. The only way to determine whether it is or not is to be persistent. 

What are the biggest challenges you have faced launching and running the company

We did not realise how resistant parts of our target market would be to the alternative we were presenting, even though it would be beneficial to them. Over the years we have encountered some very sceptical individuals, who are loyal to other companies which they have been using for a long time. Fortunately, we have been able to communicate the concept of our business to a lot of people, who are largely willing to work with us once they understand how they would benefit from our products. It pays to understand how people will view what you are offering from an outside perspective.

Despite these challenges, it is always rewarding when a customer is pleased with our services, and have saved money, meaning their lab budget will go further. 

Which do you think is most important: the right market, the right product, or the right team?

All, of course, are vital to a successful business. If I had to choose, I would say the right product. The reasons being that firstly, if you do not offer exactly what your market requires, you will find it difficult to capture the attention of potential clients. Secondly, if your product does not work well then it will be difficult to retain clients, meaning the business will be unsustainable. Finally, if your product does not stand out as being the best, it will be difficult to build a solid reputation, and longevity will prove to be difficult.

Final words for those chasing the start-up dream

If you have a promising business idea and a positive attitude, do not be afraid to pursue your start-up dream. Often the main limiting factor will be your own self-doubt. A true belief in your product or service will be the driving force towards building a successful business. That having been said, do not expect everything to fall into place immediately. At times it will seem like there are endless obstacles to overcome, but in the end, it is those that persist who will prosper.

La start-up Medtech di Londra FundamentalVR raccoglie 5 milioni di euro di finanziamenti in serie A.

La start-up Medtech di Londra FundamentalVR raccoglie 5 milioni di euro di finanziamenti in serie A.

         

richard-vincent

         

Avvio di Medtech con sede a Londra FundamentalVR ha creato una piattaforma tecnologica di formazione e analisi dei dati per la realtà virtuale (VR). Una società di portafoglio esistente di Tern , la startup ha appena chiuso un round di finanziamento della Serie A da 5 milioni di euro, che include una conversione di nota di prestito convertibile da 0,58 milioni di euro, con una valutazione post-money di € 13 milioni.

 

Il nuovo finanziamento consentirà alla startup di investire ulteriormente nella sua piattaforma educativa per Chirurgia Fondamentale – il primo sistema software di simulazione chirurgica a implementare HapticVR ™, che combina la realtà virtuale con tattili all’avanguardia (il senso del tatto).

 

Il prezzo implicito del finanziamento sindacato rappresenta un aumento del 27% sull’investimento di € 2,2 milioni effettuato dalla Società in FundamentalVR a maggio e ottobre 2018. A seguito del round di finanziamento, la partecipazione di Tern in FundamentalVR sarà del 26,9% con una valutazione di € 3,5 milioni, che rappresenta un aumento del valore equo di € 0,7 milioni.

 

Il round di finanziamento è stato condotto da Downing Ventures, con la partecipazione di Epic Private Equity e Brighteyes Ventures. Anche le principali istituzioni mediche hanno partecipato al round di finanziamento, tra cui la Mayo Clinic, uno dei principali centri americani di eccellenza medica, e Sana Kliniken, una delle principali organizzazioni mediche d’Europa e la terza più grande organizzazione ospedaliera in Germania, che è un forte appoggio alla qualità dell’offerta di FundamentalVR.

 

In concomitanza con questo round di finanziamento, Tern ha convertito, con uno sconto del 20% all’attuale prezzo di raccolta fondi, 0,58 milioni di euro di titoli di prestito convertibili avanzati a FundamentalVR (più interessi). Tern ha erogato questi prestiti ponte a FundamentalVR tra aprile e settembre 2019.

 

In base agli ultimi conti statutari di FundamentalVR per l’esercizio chiuso al 31 dicembre 2018, FundamentalVR aveva un patrimonio netto di € 948.000 a quella data e ha subito una perdita per l’anno di € 2,36 milioni.

 

“Abbiamo identificato in anticipo che il team di FundamentalVR stava sviluppando una piattaforma molto speciale”, , ha dichiarato Al Sisto, CEO di Tern. “Un’offerta di formazione e analisi dei dati che potrebbe rivoluzionare lo sviluppo delle competenze della pratica chirurgica, creando allo stesso tempo un database di significativa importanza per il settore. Siamo lieti che il valore e la rilevanza di questo entusiasmante business e del suo intero staff siano stati riconosciuti da questo eccezionale sindacato di nuovi investitori che abbiamo contribuito a consolidare. ”

 

“Questa è una pietra miliare importante per FundamentalVR e incarna la strategia di Tern di investire in grandi team e idee, non solo attraverso la fornitura di capitale, ma anche con supporto attivo e consulenza a beneficio del nostro azionisti. Cambiare l’approccio all’apprendimento e implementare nuove procedure e prodotti nel mondo dell’assistenza sanitaria è di fondamentale importanza per il futuro di tutti e FundamentalVR sta aprendo la strada. Non vediamo l’ora di annunciare ulteriori importanti sviluppi da parte dell’azienda. “