Questa intervista si basa su una discussione con Péter Langmár (CEO e co-fondatore di Brickflow ) mentre pranza a Budapest.

 

EU-Startups.com: Allora, in cosa consiste la tua startup?

 

Péter Langmár: Brickflow è un’applicazione web di storytelling visuale basata su hashtag per trasformare il rumore dei social media in contenuti visivi significativi. In realtà è il primo strumento per fondere i video di Instagram in una storia coerente. Usarlo è come giocare con Legos. Prevediamo la rivoluzione dei social media e dei microblog.

 

EU-Startups.com: Qual è la tua storia? Da dove viene l’idea?

 

Péter Langmár: Mihály Borbély è l’innovatore del concetto, che ha un background in sociologia, ma si è trasformato in un fotografo e video guy, mentre faceva anche sviluppo software come hobby. Ha iniziato a pensare a un progetto cinematografico l’altro giorno con un suo amico, Ernő Zoltán Rubik , che si è trasformato in un progetto di social media. Mihály ha iniziato a cercare persone da coinvolgere nel progetto, è così che ha incontrato Péter attraverso alcuni amici comuni.

 

Péter Langmár: I ( Péter Langmár ) studiava fotografia e design dei media, in seguito teoria dei media e informatica. Dall’arte sono passato ai social media, mentre mi sono reso conto che la gestione è il curriculum e la risoluzione dei problemi è l’attività effettiva a cui sono più interessato. Di conseguenza, oltre a condurre alcune ricerche sui social media, ho iniziato a gestire sempre più progetti . Mi sono trasferito a Parigi, in Francia, e ho fatto domanda con successo all’Università americana di Parigi per conoscere le comunicazioni globali. Dopo aver completato il corso di laurea magistrale, ho fatto domanda con successo al Goldsmith College, Università di Londra, per iniziare i miei studi di dottorato. Infine, non ho mai iniziato i miei studi e mi sono unito agli Artscience Labs come Operations Manager e R&D Assistant. In realtà ho incontrato Mihály mentre lavoravo lì.

 

Tamás Kökény è sempre stato pazzo di musica, il che lo ha portato a candidarsi all’Università di Tecnologia ed Economia di Budapest per apprendere le tecnologie multimediali come ingegnere elettrico. Durante gli studi, ha iniziato a scrivere codice e ha lavorato come sviluppatore multipiattaforma presso Prezi. Dopo l’incontro con Péter e Mihály, si innamorò immediatamente del concetto di Brickflow poiché aveva in mente l’idea di un editore musicale collaborativo completamente in linea con la visione del prodotto. Dopo le dimissioni da Prezi, si è unito agli altri come co-fondatore tecnico.

 

EU-Startups.com: Come hai raccolto fondi?

 

Péter Langmár: Il primo passo è stato su Indiegogo – abbiamo raccolto $ 10.000 con una campagna di crowdfunding, che era sufficiente per costruire un prototipo e lanciare tutta l’Europa.

 

Siamo riusciti a entrare in un acceleratore in Estonia e al programma di incubazione del governo cileno. Il programma di Tallinn ci ha supportato con una rete verticale davvero forte, con oltre 60 mentori principalmente dai paesi baltici, Santiago ci offre piuttosto la varietà di connessioni orizzontali, essendo circondato da oltre 200 startup da tutto il mondo.

 

EU-Startups.com: Qual è il prossimo passo?

 

Péter Langmár: Stiamo discutendo a livello internazionale con angeli e VC per chiudere il primo round. In questa fase, non posso condividere i dettagli.

 

EU-Startups.com: Bene, buona fortuna e spero di sentirti presto in merito al tuo investimento di successo!