Come investire in una startup

Le start-up che cercano finanziamenti si rivolgono spesso a società di venture capital (VC). Queste aziende possono fornire capitali; assistenza strategica; presentazioni a potenziali clienti, partner e dipendenti; e altro ancora.

I finanziamenti di capitale di rischio non sono facili da ottenere o da chiudere. Gli imprenditori saranno meglio preparati ad ottenere finanziamenti di capitale di rischio se capiscono il processo, i termini dell’accordo previsti e i potenziali problemi che si presenteranno. In questa guida forniamo una panoramica dei finanziamenti di venture capital. Gli imprenditori saranno meglio preparati ad ottenere finanziamenti VC se capiranno il processo, i termini dell’accordo previsti e i potenziali problemi che si presenteranno.

1. Ottenere il finanziamento del capitale di rischio

Per comprendere il processo di ottenimento del finanziamento di venture capital, è importante sapere che i venture capitalist in genere concentrano i propri sforzi di investimento utilizzando uno o più dei seguenti criteri:

  • Settori industriali specifici (software, media digitali, semiconduttori, dispositivi mobili, SaaS, biotecnologie, dispositivi mobili, ecc.)
  • Stage di società (seeding iniziale o serie A, o stage successivi con aziende che hanno ottenuto ricavi e trazione significativi)
  • Geografia (ad esempio, San Francisco / Silicon Valley, New York, ecc.)

Prima di contattare un venture capitalist, cerca di capire se la sua attenzione si allinea alla tua azienda e al suo stadio di sviluppo. Il secondo punto chiave da capire è che i VC vengono sommersi da opportunità di investimento, molti attraverso e-mail non richieste. Quasi tutte le e-mail non richieste vengono ignorate. Il modo migliore per attirare l’attenzione di un VC è di avere una calda presentazione attraverso un collega fidato, un imprenditore o un avvocato amichevole con il VC.

Una startup deve avere un buon “elevator pitch” e una solida base per gli investitori per attirare l’interesse di un VC. Le start-up dovrebbero anche capire che il processo di venture può richiedere molto tempo: solo ottenere un incontro con un preside di un’azienda VC può richiedere settimane; seguito con più riunioni e conversazioni; seguito da una presentazione a tutti i partner del fondo di venture capital; seguito dall’emissione e negoziazione di un term sheet, con continua due diligence; e infine la stesura e la negoziazione da parte di avvocati su entrambi i lati di numerosi documenti legali per dimostrare l’investimento.

Nel resto di questa guida discutiamo le questioni chiave nella negoziazione e chiusura di un round di venture capital.

2. Il foglio dei termini del capitale di rischio

La maggior parte dei finanziamenti di capitale di rischio sono inizialmente documentati da un “term sheet” preparato dallo studio VC e presentato all’imprenditore. Il term sheet è un documento importante, in quanto segnala che l’azienda VC è seria riguardo a un investimento e intende procedere alla finalizzazione della due diligence e preparare documenti di investimento legali definitivi. Prima che vengano emessi i fogli, la maggior parte delle società di venture capital avrà ottenuto l’approvazione del proprio comitato per gli investimenti. I termini non sono una garanzia che un affare verrà consumato, ma nella nostra esperienza una percentuale elevata di fogli termine che sono finalizzati e firmati risultano in finanziamenti completati.

Il term sheet coprirà tutti gli aspetti importanti del finanziamento:

  • questioni economiche come la valutazione fornita alla società (maggiore è la valutazione, minore è la diluizione per l’imprenditore);
  • problemi di controllo come la composizione del Consiglio di amministrazione e quali tipi di approvazione o diritti di “veto” gli investitori godranno;
  • diritti post-closing degli investitori, come il diritto di partecipare a finanziamenti e diritti futuri per ottenere informazioni finanziarie periodiche.

Il term sheet in genere non è vincolante, ad eccezione di alcune disposizioni, come la riservatezza e nessun negozio / esclusività. Anche se non è vincolante, il term sheet è di gran lunga il documento più importante da negoziare con gli investitori: quasi tutte le questioni che contano saranno trattate nel term sheet, lasciando i problemi minori da risolvere nei documenti di finanziamento che seguono. Un imprenditore dovrebbe pensare al term sheet come al progetto per il rapporto con il suo investitore, e assicurarsi di dargli molta attenzione.

Ci sono diverse filosofie sull’uso e sull’estensione dei fogli dei termini. Un approccio è quello di avere una scheda sintetica abbreviata in cui sono trattati solo i punti più importanti dell’affare. In questo modo, si sostiene, i presidi possono concentrarsi sulle questioni principali e lasciare punti agli avvocati quando negoziano i documenti di finanziamento definitivi.

Un altro approccio ai term sheet è l’approccio long form, in cui vengono sollevate praticamente tutte le questioni che devono essere negoziate, in modo che la stesura e la negoziazione dei documenti definitivi possano essere più rapidi e più facili.

Lo svantaggio dell’approccio short form è che lascerà molti problemi da risolvere nella fase definitiva del documento, e se non saranno risolti, le parti avranno speso più tempo e spese legali che avrebbero potuto essere evitate se il metodo lungo si avvicinava è stato preso. Il vantaggio dell’approccio short form è che generalmente sarà più facile e più veloce raggiungere un accordo di “stretta di mano” (e alcuni VC preferiscono una semplice forma breve di term sheet perché pensano che sarà più attraente per gli imprenditori).

Alla fine, di solito è meglio sia per gli investitori che per l’imprenditore avere una scheda informativa completa di lungo periodo, che mitigherà i problemi futuri nella fase di stesura del documento definitivo.

3. Valutazione della Società

La valutazione messa sul business è una questione critica sia per l’imprenditore che per l’investitore in venture capital. La valutazione è generalmente denominata “valutazione pre-money”, riferita al valore concordato della società prima dell’investimento del nuovo capitale monetario / capitale. Ad esempio, se gli investitori prevedono di investire € 5 milioni in un finanziamento in cui la valutazione pre-money è stata concordata in € 15 milioni, ciò significa che la valutazione “post-money” sarà di € 20 milioni e gli investitori si aspettano di ottenere 5 / 20, o 25%, della società alla chiusura del finanziamento.

La valutazione è negoziabile e non esiste una formula o una metodologia giusta su cui fare affidamento. Maggiore è la valutazione, minore è la diluizione che l’imprenditore incontrerà. Dal punto di vista del VC, una valutazione più bassa (che si traduce in una maggiore partecipazione degli investitori nella società) significa che l’investimento ha più potenziale al rialzo e meno rischi, creando una motivazione più elevata per assistere l’azienda.

I fattori chiave che entreranno nella determinazione della valutazione includono:

  • L’esperienza e il successo passato dei fondatori (i cosiddetti imprenditori “seriali” presentano meno rischi e spesso richiedono valutazioni più elevate)
  • La dimensione delle opportunità di mercato
  • La tecnologia proprietaria già sviluppata dalla società
  • Qualunque trazione iniziale da parte dell’azienda (entrate, partnership, clienti soddisfatti, pubblicità favorevole, ecc.)
  • Progresso verso un prodotto minimamente redditizio
  • Le ricorrenti opportunità di guadagno del modello di business
  • L’efficienza del capitale del modello di business (ovvero, l’azienda dovrà bruciare un capitale significativo prima di raggiungere la redditività?)
  • Valutazioni di società comparabili
  • Se l’azienda è “calda” e perseguita da altri investitori
  • L’attuale clima economico (le valutazioni generalmente salgono quando l’economia generale è forte e sono più basse durante le crisi economiche)

Sebbene ogni analisi di avvio e valutazione sia unica, l’intervallo di valutazione per i round di early-stage (spesso definiti come finanziamenti “seed”) è spesso compreso tra € 1 e € 5 milioni. Il range di valutazione per le aziende che hanno ottenuto una certa trazione e stanno facendo un giro “Serie A” è in genere da € 5 milioni a € 15 milioni.

4. Forma dell’investimento in capitale di rischio

I fondatori di una startup in genere detengono azioni ordinarie della società. Gli angel investors o i venture capitalist di solito investono nella società in una delle seguenti forme:

  • Attraverso una cambiale convertibile. L’investitore riceve una nota dalla società, convertibile in azioni della società nel suo prossimo round di finanziamento. La nota avrà una data di scadenza (spesso 12 mesi dalla data di emissione) e porterà interessi (dal 4% all’8% è comune). Al momento non è prevista alcuna valutazione per l’azienda. Gli investitori di solito chiedono il diritto di convertire le proprie banconote nello stock emesso nel prossimo round di finanziamento con uno sconto sul prezzo pagato nella valutazione del prossimo round (uno sconto del 20% è comune), a volte con un “cap” su la valutazione della società ai fini del tasso di conversione (ad esempio, un limite di € 10 milioni). I finanziamenti di note convertibili sono molto più veloci e facili da documentare rispetto alla tipica alternativa azionaria convertibile preferita discussa di seguito. Le note convertibili si vedono spesso nei round di semi.
  • Attraverso un SAFE (Simple Agreement for Future Equity), sviluppato inizialmente da Y Combinator . Le SAFE devono essere un’alternativa alle note convertibili, ma non sono strumenti di debito, diversamente da una nota, un SAFE non ha scadenza e non sopporta interessi. L’investitore SAFE effettua un investimento in contanti nella società che converte in azioni della società nel prossimo round di finanziamento. Proprio come con le note, i SAFE possono convertire a sconti e / oa valutazioni limitate.(Leggi qui un buon primer su SAFEs.) Gli investitori istituzionali, come i VC, hanno meno probabilità di investire in SAFE, ma possono essere utili per le aziende in una fase molto precoce.
  • Attraverso un investimento azionario privilegiato convertibile, con diritti, preferenze e privilegi stabiliti nel certificato di costituzione della società (a volte indicato come “carta”) e diversi altri documenti di finanziamento. Le azioni privilegiate offrono agli investitori una preferenza rispetto agli azionisti comuni su una vendita della società. Le azioni privilegiate hanno anche il potenziale rialzista di poter convertire in azioni ordinarie della società. La maggior parte delle serie I round di finanziamento vengono effettuati come azioni privilegiate convertibili. C’è un forte vantaggio per l’azienda nell’emettere azioni privilegiate agli investitori: consente alla società di emettere opzioni su azioni (opzioni per acquistare azioni ordinarie, che non godono delle preferenze preferite) ai potenziali dipendenti a un prezzo di esercizio significativamente ridotto rispetto a quello pagato da gli investitori. Ciò può fornire un incentivo significativo per attrarre e mantenere il team di gestione e i dipendenti.

5. Vesting of Founder Stock

Gli investitori in venture capital vorranno assicurarsi che i fondatori abbiano incentivi per rimanere e far crescere l’azienda. Se le azioni dei fondatori non sono già soggette a un piano di maturazione, è probabile che gli investitori di venture capital richiederanno che le azioni dei fondatori diventino soggette a maturazione in base all’occupazione continuata (e quindi “guadagnate”). La maturazione standard per i dipendenti è maturata mensilmente su un periodo di 48 mesi, con i primi 12 mesi di vesting ritardati fino al completamento di 12 mesi di servizio, ma i fondatori possono spesso negoziare condizioni di maturazione migliori.

Le questioni chiave che i fondatori negoziano a questo riguardo sono:

  • I fondatori riceveranno il credito per il tempo già servito con la società?
  • Sarà richiesta la maturazione delle azioni acquistate per un investimento significativo in contanti?
  • Dovrebbe essere applicato un piano di vestibilità inferiore a 48 mesi?
  • Si dovrebbe applicare un piano di maturazione?
  • Il conferimento accelerare, in tutto o in parte, in caso di cessazione del rapporto di lavoro senza causa o in caso di vendita della società? Una forma di vesting che è generalmente accettabile per gli investitori è la cosiddetta accelerazione “double trigger”, in cui il vesting accelera se la società viene acquistata e se l’acquirente termina l’impiego del fondatore senza causa dopo l’acquisizione.

Nella nostra esperienza, in genere è richiesto un po ‘di maturità nelle startup in fase iniziale, ma i fondatori di solito ottengono credito per il tempo trascorso con la società, purché una quantità significativa di capitale sia ancora soggetta a maturazione.

6. Composizione del consiglio di amministrazione

La composizione del Consiglio di amministrazione della società è importante per gli investitori di venture capital e per i fondatori. VC, soprattutto se sono l’investitore “principale” in un round di finanziamento, vogliono spesso il diritto di nominare un numero designato di amministratori per essere in grado di monitorare i loro investimenti e avere un senso significativo nella gestione del business. Dal punto di vista dei fondatori, vorranno mantenere il controllo della compagnia il più a lungo possibile. Anche se le circostanze variano, in genere l’assegnazione del posto di consiglio di solito segue la proprietà azionaria, quindi se gli investitori hanno il 25% o meno delle azioni della società, di solito accettano una minoranza di posti del Consiglio, e se dopo più turni gli investitori ne possiedono la maggior parte azioni della società, controlleranno spesso il consiglio di amministrazione.

Dopo un round di finanziamento della serie A, i tipici scenari del Board potrebbero includere:

  • Un consiglio di tre membri, con due scelti dai fondatori e uno scelto dagli investitori;
  • Un consiglio di tre membri, con uno scelto dai fondatori, uno scelto dagli investitori e un direttore indipendente reciprocamente concordato;
  • Un consiglio di cinque membri, con due scelti dai fondatori, due scelti dagli investitori e un direttore indipendente reciprocamente concordato.

Al posto di un seggio di Consiglio, alcuni investitori possono richiedere diritti di “osservatore” del Consiglio, concedendo all’investitore il diritto di partecipare alle riunioni del Consiglio in una veste senza diritto di voto con il diritto di ricevere informazioni finanziarie e di altro genere fornite ai membri del Consiglio.

L’effettiva composizione del Consiglio sarà soggetta a negoziazione, tenendo conto della somma investita, del numero di investitori, del livello di controllo richiesto e del livello di comfort dei fondatori.

7. Preferenza di liquidazione delle azioni privilegiate

Una “preferenza di liquidazione” si riferisce all’importo di denaro che l’investitore privilegiato avrà diritto a ricevere sulla vendita della società o altro evento di liquidazione, prima che i proventi vengano condivisi con le azioni ordinarie. I VC insistono su una preferenza di liquidazione per proteggere il loro investimento in scenari “al ribasso”; per gli scenari più felici in cui un’azienda viene venduta per un importo che genererebbe grandi rendimenti per gli investitori, gli investitori possono sempre convertire in azioni ordinarie.

La preferenza di liquidazione è in genere espressa come multiplo del capitale investito originario, di solito a 1x. Pertanto, in caso di vendita della società, l’investitore avrà diritto a ricevere € 1 per ogni € 1 investito, preferibilmente rispetto ai possessori di azioni ordinarie.

In situazioni in cui l’azienda è particolarmente rischiosa o il clima degli investimenti è diventato sfavorevole, gli investitori possono insistere su una preferenza di liquidazione di 1,5x, 2x o 3x (ciò era più comune durante le recessioni del 2001-2002 e del 2008-2009).

8. Partecipante vs Non partecipante preferito

Gli investitori di venture capital a volte chiedono che le loro azioni privilegiate siano “partecipate preferite”. Ciò significa che su una vendita della società, il preferito riceva per prima cosa la sua preferenza di liquidazione (tipicamente 1x dell’investimento originale), e quindi i proventi restanti sarebbero condivisa dal comune e preferita in base alla percentuale di partecipazione azionaria relativa.

Ad esempio, se la valutazione pre-money della società è di € 5 milioni e le VC investono € 5 milioni nella società con una preferenza di liquidazione di 1x, ecco cosa otterranno i fondatori / possessori comuni su una vendita di € 50 milioni della società:

  • Se il preferito è la partecipazione, i primi € 5 milioni vanno ai titolari preferiti, e il restante € 45 milioni è diviso 50-50 (per la percentuale di possesso dell’azienda). Quindi i fondatori / comuni riceveranno € 22,5 milioni e il preferito riceverebbe un totale di € 27,5 milioni.
  • Se il preferito in non-partecipazione, i € 50 milioni in proventi sarebbero divisi 50-50 e i fondatori / comune riceverebbero € 25 milioni dalla vendita.

La partecipazione preferita è relativamente rara. Oltre a sostenere che è “non mercato”, i fondatori possono cercare di resistere alla partecipazione preferita sulla teoria che farà del male agli investitori della serie A in futuro se anche i finanziamenti successivi incorporeranno tale termine. Se i fondatori sono costretti ad accettare la partecipazione, possono spesso negoziare per la funzione partecipante di andare via se i VC hanno ricevuto indietro più (ad esempio, 3x) del loro investimento.

9. Disposizioni di protezione / diritti di veto degli investitori

Dopo aver completato un finanziamento, gli investitori di venture capital hanno spesso una partecipazione di minoranza nella società. Ma in genere insistono su “disposizioni protettive” (diritti di veto) su determinate azioni della società che potrebbero influire negativamente sul loro investimento o sul loro rendimento previsto.

I tipi di azioni in cui può essere applicato un diritto di veto includono:

  • Modifica della carta della società o dello statuto per modificare i diritti del preferito, o per aumentare o diminuire il numero autorizzato di azioni di azioni privilegiate o ordinarie
  • Creazione di qualsiasi nuova serie o classe di azioni privilegiate o paritarie
  • Riscattare o acquisire quote di azioni comuni, ad eccezione di dipendenti, consulenti o altri fornitori di servizi della società, alle condizioni approvate dal Consiglio di amministrazione
  • La vendita o la liquidazione della società
  • Debito incorrente per un importo specifico in dollari
  • Pagamento dei dividendi
  • Aumentare le dimensioni del Consiglio di amministrazione della società

Il più sensibile di questi diritti di veto è quello che garantisce agli investitori di venture capital un diritto di blocco su una vendita della società. I fondatori a volte cercano di mitigare questo diritto di veto sostenendo che non dovrebbe applicarsi in situazioni in cui il VC riceve un rendimento minimo sul suo investimento (spesso 3x-5x).

Nella maggior parte degli scenari, i VC e la società risolveranno i problemi relativi ai diritti di veto lungo la strada. Ad esempio, se la società ha bisogno di liquidità per continuare l’attività, i VC probabilmente rinunceranno ai loro diritti di veto sui finanziamenti futuri. L’abuso di diritti di veto da parte degli investitori è raro; la parola si diffonde rapidamente nel mondo del venture capital, e le VC sanno che se sono arbitrarie nel bloccare accordi ragionevoli, influenzeranno negativamente la loro reputazione con i futuri imprenditori.

10. Protezione anti-diluizione

È tipico per gli investitori di venture capital ottenere protezione (denominata protezione “anti-diluizione”) nei confronti delle società che emettono azioni a una valutazione inferiore alla valutazione rappresentata dal loro investimento. Di gran lunga la più comune è la protezione anti-diluizione “media ponderata”, che riduce il prezzo di conversione – e quindi, inversamente, aumenta il tasso di conversione – delle azioni privilegiate detenute da investitori precedenti se le azioni a prezzo inferiore sono vendute dalla società. Con l’anti-diluizione media ponderata, più azioni vengono emesse e più basso è il prezzo delle azioni, maggiore è l’aggiustamento rispetto al precedente preferito. I fondatori vorranno evitare la più severa clausola anti-diluizione “a cricchetto”, che riduce il prezzo di conversione del preferito preferito in modo che corrisponda al prezzo del nuovo titolo (indipendentemente dal numero di azioni emesse).

Gli investitori in genere accettano di esentare specificamente dalla protezione anti-diluizione alcuni tipi di emissioni azionarie, come la quota di incentivi per i dipendenti e altri fornitori di servizi, l’equity emessa per l’acquisizione di altre società e le azioni emesse in relazione a finanziamenti bancari, locazioni immobiliari e attrezzature , e simili.

11. Diritto di partecipare ai finanziamenti futuri

Gli investitori riceveranno normalmente il diritto di acquistare più azioni in relazione alle future emissioni azionarie, per mantenere la loro percentuale di interesse nella società. Questi diritti di partecipazione spesso riguardano solo i cosiddetti “Maggiori investitori” che possiedono una certa quantità di azioni e in genere terminano con un’offerta pubblica. Come con la protezione anti-diluizione, questi diritti sono tipicamente concepiti per essere applicati solo ai finanziamenti in buona fede, e di solito sono redatti per non applicarsi a titoli azionari, azioni emesse in acquisizioni o “equity kicker” emessi a finanziatori, locatori o locatori di attrezzature.

12. Problemi di stock option

Gli investitori in venture capital vorranno assicurarsi che la società abbia un pool di stock option per future sovvenzioni azionarie, in genere dal 10% al 20% della capitalizzazione della società, con società della fase successiva che dispongono di pool più piccoli. Le opzioni sono utilizzate per attrarre e trattenere dipendenti, consulenti e membri del consiglio di amministrazione.

I VC insisteranno quasi sempre che questo pool di opzioni sia incluso come parte della valutazione pre-money della società, ed è normale farlo.Tuttavia, i fondatori dovrebbero rendersi conto che qualsiasi aumento nel pool di opzioni arriverà a loro spese, riducendo la percentuale di possesso della società. Se la dimensione del pool diventa un problema nella negoziazione del termsheet, è una buona idea che il fondatore produca un “budget” per le future opzioni, stimando le opzioni che saranno necessarie per le assunzioni future fino al prossimo round. di finanziamento.

In genere, gli investitori in venture capital si aspettano che le future concessioni di opzioni saranno soggette a un piano di vestibilità quadriennale “standard”: un anno di lavoro richiesto prima di qualsiasi vesting per il 25% delle opzioni (denominato “cliff”), e quindi vesting mensile con occupazione continuata per 36 mesi dopo il vesting sulla scogliera di un anno.

13. Diritti di rimborso

Occasionalmente, i VC richiedono una clausola che consente loro di incassare il proprio investimento tramite una funzione di rimborso (presupponendo che la società abbia i contanti). Una tipica clausola di rimborso direbbe che gli investitori possono, con il voto di maggioranza in qualsiasi momento a partire da cinque anni dopo il loro investimento, eleggere per essere rimborsati (riacquistati al loro prezzo di acquisto originale), con pagamenti effettuati su un periodo di tre anni in rate uguali. I diritti di rimborso non sono comuni e, anche nei rari casi in cui vengono messi in atto, non vengono quasi mai attivati, ma possono dare un effetto leva a un VC che vuole liquidità.

Gli investitori della serie A non spingeranno tipicamente per una funzione di rimborso, sapendo che una simile disposizione potrebbe presentarsi nei round futuri di finanziamenti a scapito degli investitori della serie A.

14. Diritti di informazione

In genere, gli investitori di venture capital avranno il diritto di ottenere determinate informazioni finanziarie, nonché i diritti di ispezione in relazione ai registri societari. In genere, il term sheet specifica che devono essere forniti rendiconti finanziari annuali, trimestrali e spesso mensili, nonché un budget annuale o un piano aziendale. Questi diritti sono spesso limitati ai “Maggiori investitori” e in genere non sono fonte di controversie o di molte trattative.

15. Obblighi assicurativi

Il term sheet può specificare che la società sarà obbligata a mantenere l’assicurazione sulla responsabilità degli amministratori e dei dirigenti, coprendo i funzionari e gli amministratori della società in relazione a contenziosi relativi ai doveri che svolgono per la società. Il term sheet specificherà l’importo in dollari di copertura (spesso € 2 milioni a € 10 milioni).

Occasionalmente, gli investitori di venture capital richiedono inoltre che la società mantenga le polizze di assicurazione sulla vita “key-man”, politiche che forniranno all’azienda denaro contante nel caso in cui un fondatore muoia. L’idea alla base di questo tipo di politica è che il denaro generato in caso di tragedia può dare all’azienda il tempo di rimbalzare e assumere nuovi talenti per sostituire il fondatore deceduto.

16. Diritti di primo rifiuto / diritti di co-vendita

È normale che gli investitori abbiano il diritto di prelazione su qualsiasi titolo che sarà venduto dai fondatori. Ciò richiederà di solito ai fondatori di offrire le azioni prima alla società e poi agli investitori (alle stesse condizioni della vendita proposta) prima che possano essere vendute. Tale diritto consentirà alla società e agli investitori l’opportunità di mantenere le azioni dei fondatori all’interno dell’azionariato esistente. I fondatori sono in genere in grado di negoziare eccezioni dal diritto di prelazione, per trasferimenti a familiari o trust per scopi di pianificazione successoria e, meno spesso, per la vendita di piccole quote (5% -15%).

Gli investitori si aspettano anche di ottenere “diritti di co-vendita” per quanto riguarda le vendite di titoli fondatori. Ciò darà agli investitori il diritto di partecipare (su base proporzionale) a una vendita da parte dei fondatori delle loro azioni. (Questi diritti sono tipicamente esercitati quando il fondatore ha negoziato un prezzo molto alto per il proprio stock, troppo alto per giustificare un acquisto ai sensi del diritto di prelazione).

17. Diritti di trascinamento

I diritti di trascinamento danno alla società il diritto di costringere tutti gli azionisti a partecipare e votare per una vendita della società se la vendita è stata approvata da gruppi specifici. Per un finanziamento di serie A, il trascinamento viene solitamente attivato se approvato dal Consiglio di amministrazione, detentore della maggioranza delle azioni ordinarie e detentori della maggioranza delle azioni privilegiate. L’idea non è che un gruppo possa costringerne un altro a vendere, ma piuttosto che se tutti i principali collegi elettorali dell’azienda vogliono vendere, tutti gli azionisti sono tenuti a partecipare alla vendita. Ciò impedisce ai piccoli azionisti di creare un blocco stradale per un’acquisizione opponendosi o esercitando diritti di valutazione o dissenziente ai sensi della legge applicabile.

Nelle trattative successive, i drag-along possono essere strutturati per dare agli investitori di venture capital il diritto di invocare il diritto di trascinamento.

I tipici problemi legati ai diritti di trascinamento includono:

  • Il voto percentuale delle classi che possono invocare il diritto di trascinamento (maggioranza o maggioranza)
  • Limitazioni su rappresentazioni, garanzie e alleanze fatte dal partito trascinato
  • Gli obblighi degli azionisti trascinati nell’ambito del contratto di acquisizione, compresi i covenant e gli obblighi di indennizzo

I diritti di trascinamento presentano una serie di complicate considerazioni legali e redazionali. Ma possono essere importanti per garantire che il 100% dell’azienda possa essere venduto senza indugio.

18. Diritti di registrazione

I diritti di registrazione autorizzano l’investitore a richiedere a una società di elencare (“registrare”) le proprie azioni in un’offerta pubblica in modo che l’investitore possa vendere le azioni. I diritti di registrazione sono suddivisi in diritti “domanda” e diritti “piggyback”.

I diritti di domanda richiedono che la società persegua la registrazione delle sue azioni, probabilmente includendo anche le azioni detenute dall’azionista esigente. I diritti di Piggyback conferiscono agli azionisti il ​​diritto di includere alcune o tutte le loro azioni in una dichiarazione di registrazione che la società sta già depositando presso la SEC.

In pratica, i diritti di registrazione sono raramente esercitati, e una startup in una fase iniziale non dovrebbe perdere molto tempo a negoziare i termini (essi saranno spesso rinegoziati comunque da investitori della fase successiva).

19. Esclusività / No Shop

Gli investitori in venture capital di solito includono una clausola vincolante nel term sheet che impedisce alla società di stipulare o negoziare con qualsiasi altra parte in merito a un investimento nella società, per un periodo determinato. Questa è una richiesta ragionevole, poiché gli investitori investiranno tempo, spese legali e risorse per completare la transazione. La compagnia vorrà che il periodo di esclusività sia il più breve possibile. Il periodo tipico concordato è di 30-45 giorni.

Gli investitori chiederanno inoltre che la società informi tempestivamente l’investitore di eventuali richieste o proposte da parte di terzi in merito ai finanziamenti o alla vendita della società e forniscano all’investitore i termini della stessa.

20. Riservatezza

Gli investitori di venture capital di solito insistono su una clausola vincolante nel term sheet che l’esistenza e le condizioni del term sheet e il fatto che i negoziati siano in corso con gli investitori, sono strettamente confidenziali e non possono essere divulgati a nessuno senza il consenso degli investitori, tranne che per i direttori, i funzionari e gli avvocati della compagnia. La società dovrà notificare a qualsiasi parte che descrive correttamente il term sheet a che sono soggetti all’obbligo di riservatezza.

21. Risoluzione delle controversie

Nell’improbabile eventualità di una controversia tra la società e gli investitori di venture capital rispetto al term sheet o ai documenti di investimento definitivi, è spesso utile sia per la società che per gli investitori di venture capital risolvere la controversia tramite arbitrato vincolante riservato (e non attraverso contenzioso pubblico ).

Ecco una disposizione di arbitrato di esempio per il term sheet:

“Arbitrato. Qualsiasi controversia, controversia o reclamo derivante da o relativo al presente foglio dei termini o ai documenti di investimento definitivi delle parti sarà regolato esclusivamente ed esclusivamente da un arbitrato vincolante riservato in conformità con le regole di arbitrato commerciale di JAMS, esistenti al momento del l’inizio dell’arbitrato, prima di un arbitro. L’arbitrato sarà condotto in [Città], [Stato].Ciascuna parte deve sostenere le proprie spese legali. Ciascuna parte deve sostenere la metà delle commissioni di arbitrato e i costi sostenuti tramite JAMS. L’arbitro non ha il diritto di assegnare danni punitivi o danni speculativi a nessuna delle parti e non ha il potere di modificare il presente Accordo.L’arbitro è tenuto a seguire la legge applicabile. “

22. Accordi di cessione di riservatezza e invenzione

La scheda termini probabilmente prevede che tutti i dipendenti e i consulenti passati, presenti e futuri siano soggetti a un Accordo di Assegnazione di Riservatezza e Invenzione. Lo scopo del presente Accordo è duplice:

  1. obbligare il dipendente o il consulente a mantenere riservate tutte le informazioni riservate della società
  2. garantire che qualsiasi proprietà intellettuale sviluppata dal dipendente o dal consulente sia considerata di proprietà esclusiva dell’azienda

Questo obbligo nel term sheet non è controverso (anche se a volte si rivela con diligenza che i dipendenti o i consulenti del passato che hanno sviluppato la proprietà intellettuale chiave non hanno sottoscritto questi accordi e ciò può causare preoccupazioni significative per gli investitori).

23. Spese degli investitori in Venture

I termsheet comprenderanno in genere un impegno da parte della società per rimborsare le spese legali ragionevoli degli investitori più eventuali doveri di diligenza o spese vive sostenute, pagabili alla chiusura della transazione. Questo obbligo è tipicamente “limitato” a un importo specifico in Euro ma se l’accordo richiede più tempo o richiede più lavoro legale di quanto previsto, il cap è spesso rivisto per tenerne conto.

24. Due diligence da parte degli investitori di Venture

Gli imprenditori dovrebbero anticipare che gli investitori in venture capital eseguiranno una due diligence significativa prima di consumare un investimento. Alcuni di questi saranno fatti dai VC e alcuni dagli avvocati per i VC.

I tipi di due diligence includeranno:

  • Revisione dei rendiconti finanziari
  • Revisione delle proiezioni finanziarie e ragionevolezza delle ipotesi sottostanti
  • Revisione della carta aziendale, statuti, verbali e altri documenti aziendali
  • Revisione dei contratti materiali
  • Revisione di qualsiasi transazione relativa a “parti correlate” (transazioni con funzionari, azionisti o direttori o loro affiliati)
  • Revisione di qualsiasi controversia o reclamo
  • Revisione della proprietà intellettuale chiave
  • Revisione di contenziosi, fallimenti o procedimenti governativi che coinvolgono uno dei fondatori
  • Controlli di riferimento sui fondatori
  • Controlla i post sui social media dei fondatori
  • Revisione di eventuali molestie, comportamenti scorretti o richieste di discriminazione che coinvolgono uno dei fondatori
  • La struttura di capitalizzazione della società e eventuali accordi di investimento precedenti
  • Analisi dei concorrenti
  • Comfort sulla proprietà da parte della società dei diritti di proprietà sul prodotto chiave dell’azienda e sulla capacità dell’azienda di proteggere i propri diritti
  • Conferma che gli accordi di Assegnazione di Riservatezza e Invenzione appropriati sono stati firmati da tutti i dipendenti e consulenti

Conclusione

Il finanziamento del capitale di rischio può essere cruciale per il successo di una startup. Comprendendo le questioni chiave nei finanziamenti di venture capital, gli imprenditori possono aumentare la probabilità di un esito positivo.

 

I migliori libri per il tuo business!

Scopri le risorse più utili che abbiamo selezionato per la tua Startup!

Studiare i casi di successo come i fallimenti è importante per sviluppare la propria cultura del business: fare impresa significa innanzitutto selezionare un percorso di crescita.

Qui trovi solo i migliori approfondimenti!

Web Development

Duis egestas aliquet aliquet. Maecenas erat eros, fringilla et leo eget, viverra pretium nulla.

Web Development

Duis egestas aliquet aliquet. Maecenas erat eros, fringilla et leo eget, viverra pretium nulla.

Web Development

Duis egestas aliquet aliquet. Maecenas erat eros, fringilla et leo eget, viverra pretium nulla.

Web Development

Duis egestas aliquet aliquet. Maecenas erat eros, fringilla et leo eget, viverra pretium nulla.

Web Development

Duis egestas aliquet aliquet. Maecenas erat eros, fringilla et leo eget, viverra pretium nulla.

Web Development

Duis egestas aliquet aliquet. Maecenas erat eros, fringilla et leo eget, viverra pretium nulla.

SCARICA L’EBOOK GRATUITO!

Stiamo per inviarti uno degli strumenti più utili per pianificare il successo della tua Startup:
noi siamo pronti a mettere il turbo, e tu?

Scopri le ultime novità sulle startup e sulle imprese!

Puoi trovare ogni aggiornamento sul nostro blog: qui parliamo di eventi, opportunità, fallimenti e successi…
Il mondo del business è sempre busy!

%

Startup finanziate

%

Bilancio attivo in 12 mesi

%

Exit sopra i 100k€

%

Clienti soddisfatti

Guide

Scopri le nostre guide sempre aggiornate per gestire con efficacia il tuo business e la tua startup sul mercato.

Bandi

Consulta i bandi per startup e per l’avviamento di business con il supporto di privati, finanziamenti italiani e fondi europei.

Protagonisti

I protagonisti del mondo del business ti offriranno spunti per possibili collaborazioni e per idee di business sempre nuove.

Risorse

Trova le migliori risorse raccolte per te, studia subito le soluzioni più adatte per sviluppare la tua startup e scalare!