Intervista a Marc Köhlbrugge (PressDoc.com)

Intervista a Marc Köhlbrugge (PressDoc.com)

             

             

Oggi abbiamo fatto un’intervista a Marc Köhlbrugge che è il co-fondatore di PressDoc.com . Il servizio di comunicati stampa ti dà l’opportunità di scrivere, modificare e pubblicare comunicati stampa, condividerli con il mondo e impegnarti come nessun altro nella tua attività! La giovane startup ha sede ad Amsterdam e ha appena salutato la millesima impresa che utilizza il servizio. Secondo PressDoc.com, la maggior parte di queste società è stata indirizzata da altre società a cui il prodotto è piaciuto abbastanza da condividerlo con i loro colleghi.

 

EU-Startups.com: Quando tu o il tuo partner avete avuto l’idea di PressDoc e cosa vi ha fatto essere sicuri che fosse quello giusto?

 

Marc Köhlbrugge: Quando Tim Heineke voleva pubblicare un comunicato stampa sulla sua startup Twones un anno e mezzo fa, non riusciva a trovare una buona soluzione che si adattava alle sue esigenze di imprenditore di Internet . Quando ne discusse con Boris Veldhuijzen van Zanten, Boris lo riconobbe e lo stesso imprenditore, ma anche dal punto di vista del blogger sapeva che l’attuale comunicato stampa era obsoleto e poteva usare una grande iterazione. L’idea era quindi relativamente semplice, creare un nuovo formato per i comunicati stampa, ottimizzato per il web. Via Twitter, Boris ha cercato uno sviluppatore e designer e ha trovato Stefan Borsje e io, Marc Köhlbrugge. Abbiamo quindi continuato a fondare PressDoc e creare il comunicato stampa di prossima generazione.

 

EU-Startups.com: Pressdoc.com è un nome di dominio eccezionale. Era disponibile o l’hai comprato?

 

Marc Köhlbrugge: Era disponibile. (Siamo stati molto fortunati 😉

 

EU-Startups.com: In che modo finanziate la fase di avvio di PressDoc.com?

 

Marc Köhlbrugge: Con il solido team di fondatori e il track record di Boris come imprenditore siamo riusciti a ottenere una serie di finanziamenti per i semi abbastanza rapidamente. Ciò significava che potevamo semplicemente concentrarci sulla costruzione di un ottimo prodotto senza doversi preoccupare del finanziamento.

 

EU-Startups.com: Quali sono stati i principali ostacoli per i tuoi primi 6 mesi da imprenditore?

 

Marc Köhlbrugge: Ho co-fondato PressDoc un mese dopo la laurea, quindi mentre la maggior parte degli imprenditori proviene da un lavoro regolare, sono uscito di nuovo dall’università dove stavo già lavorando ai miei progetti Internet. La differenza con PressDoc, tuttavia, era che si trattava di una vera azienda con clienti, vendite, flusso di cassa, scartoffie e tutto il resto. Non erano necessariamente ostacoli per me, ma erano qualcosa di nuovo. Mi concentravo solo sul prodotto e ora dovevo guardare il quadro generale e vedere come il nostro prodotto si adattava al mercato, ecc.

 

EU-Startups.com: Guardando indietro, cosa faresti diversamente nella fase iniziale di avvio?

 

Marc Köhlbrugge: Penso che la loro tendenza sia quella di lottare per “il prodotto perfetto” e quindi abbiamo continuato ad aspettare di lanciare fino a quando tutto fosse perfetto. Ovviamente, nulla è mai perfetto e il modo migliore per migliorare il tuo prodotto è ottenere feedback dai clienti reali. Quindi con il senno di poi penso che avremmo potuto lanciarlo prima, ma alla fine tutto ha funzionato.

 

EU-Startups.com: Dove ti piace vedere la tua attività (PressDoc.com) tra 3 anni?

 

Marc Köhlbrugge: Alla fine, PR scende per raggiungere e pertinenza. I nostri clienti vogliono raggiungere quante più persone pertinenti possibile. Tra 3 anni vorrei fornire ai nostri clienti un servizio che consenta loro di raggiungere tutti coloro che potrebbero essere interessati a sentire il loro annuncio. Sia direttamente, sia attraverso un mezzo come blogger, utenti dei social media o qualsiasi altra innovazione che potrebbe esistere da allora.

 

EU-Startups.com: Cosa faresti per vivere se non avessi avviato un’attività?

 

Marc Köhlbrugge: Probabilmente sarei un designer dell’agenzia di web design. In effetti, ho fatto un’intervista sul mio lavoro di progettazione un paio di mesi prima di diventare un vero imprenditore, quindi se vuoi avere una prospettiva su come ho guardato le cose allora, e confrontarlo con quello che sto dicendo ora, allora puoi leggilo qui .

 

EU-Startups.com: Qual è stata la tua peggior idea imprenditoriale?

 

Marc Köhlbrugge: Buona domanda. Non sono sicuro che un’idea possa essere intrinsecamente negativa, perché è comunque solo un punto di partenza, ma immagino che le idee su cui non si agisce siano le peggiori. Potrebbero comunque avere perfettamente senso dal punto di vista commerciale, ma se non continuano a ispirarti ad agire, perdono qualcosa di vitale.

 

EU-Startups.com: Quali sono i tuoi pensieri sulla scena di avvio all’interno dell’Unione europea: pensi che diventerà mai competitivo rispetto alla scena americana?

 

Marc Köhlbrugge: Onestamente non ne ho idea. Sono stato a valle una volta e lo spirito imprenditoriale è stato grandioso. Ma abbiamo anche alcune aziende dirompenti in Europa, come Spotify, che penso cambierà il modo in cui i consumatori pensano alla proprietà dei contenuti e, naturalmente, Skype qualche tempo fa che ha fatto qualcosa di simile per le telecomunicazioni. Dovrò pensarci un po ‘di più, ma potresti obiettare che siamo abbastanza bravi a sconvolgere i mercati esistenti, dove gli Stati Uniti potrebbero essere migliori nell’inventarne di nuovi. Come nota a margine, con il fatto che il “locale” sta diventando sempre più importante (Groupon, Foursquare, ecc.), Penso che ci siano molte opportunità per gli imprenditori europei senza necessariamente preoccuparsi della concorrenza americana. Non vedo l’ora di vedere come andrà a finire.

 

Intervista a Bernhard Niesner (busuu.com)

Intervista a Bernhard Niesner (busuu.com)

             

             

Oggi abbiamo fatto un’intervista con Bernhard Niesner. È co-fondatore e CEO della comunità per l’apprendimento delle lingue busuu.com. Il sito Web può essere utilizzato completamente gratuitamente! Tuttavia, hai la possibilità di pagare una tariffa mensile minima per diventare un membro Premium. Con quell’abbonamento Premium avrai accesso a funzionalità aggiuntive e altro materiale. La startup per l’apprendimento delle lingue ha sede in Spagna (Madrid) ed è stata fondata da Bernhard Niesner e dal suo co-fondatore Adrian Hilti. Se ti stai chiedendo da dove provenga il nome divertente: busuu è una lingua parlata in Camerun – basata su uno studio etnologico condotto negli anni ’80, apparentemente solo otto persone sono in grado di parlare questa lingua.

 

EU-Startups.com: Quando tu o il tuo partner avete avuto l’idea di busuu e cosa vi ha fatto essere sicuri che fosse quello giusto?

 

Bernhard Niesner: Nel 2007, entrambi (Adrian Hilti e io) stavamo facendo un MBA alla IE Business School qui a Madrid. Dato che vivevamo in Spagna, abbiamo dovuto migliorare il nostro spagnolo e ci chiedevamo perché questo processo fosse ancora così complicato, dispendioso in termini di tempo e costoso. Inoltre, in quel momento Facebook stava crescendo rapidamente in Spagna, quindi abbiamo pensato a come utilizzare la tecnologia per migliorare il modo in cui le persone imparano nuove lingue. Pertanto, nell’ambito del nostro progetto finale nell’ambito dell’MBA, abbiamo sviluppato busuu.com, un metodo di apprendimento delle lingue completamente flessibile, divertente e disponibile a un prezzo accessibile.

 

EU-Startups.com: Come hai finanziato la fase di avvio di busuu?

 

Bernhard Niesner: Abbiamo raccolto i primi soldi nel 2008 da “amici e parenti”. Quindi abbiamo effettuato il nostro primo round di finanziamento nel febbraio 2010 con un business angel austriaco.

 

EU-Startups.com: Quali sono stati i principali ostacoli per il tuo primo anno da imprenditore?

 

Bernhard Niesner: Prima di tutto per ottenere le persone giuste a bordo. È molto difficile per una start-up convincere le persone eccellenti ad aderire se non si ha nemmeno un sito Web, un ufficio adeguato e tanto meno una buona reputazione. Ma siamo stati molto fortunati con le nostre scelte di assunzione e i primi dipendenti sono ancora a bordo. In secondo luogo, dovevamo stare molto attenti alle nostre risorse finanziarie poiché eravamo “a corto di stivali” per più di 2 anni. Abbiamo iniziato a monetizzare il nostro sito Web 1 anno dopo il lancio, quindi abbiamo avuto un bel po ‘di tempo senza entrate. Ma questo periodo ci ha anche insegnato a essere molto cauti con le nostre spese e fin dall’inizio avevamo una struttura dei costi molto snella ed efficace.

 

EU-Startups.com: Guardando indietro, cosa faresti diversamente nella fase di avvio?

 

Bernhard Niesner: Ad essere sincero, non cambierei nulla perché anche se ovviamente commettessimo degli errori, ci hanno sempre aiutato a riflettere sulla nostra posizione e a spostarci di nuovo nella giusta direzione. Quindi credo che commettere errori sia una parte essenziale dell’esperienza di avvio.

 

EU-Startups.com: Cosa rende busuu unico o migliore rispetto ad altri servizi là fuori?

 

Bernhard Niesner: busuu.com è completamente flessibile in termini di tempi e luogo per l’apprendimento delle lingue. A differenza delle scuole di lingue tradizionali, i nostri utenti possono studiare quando e da dove vogliono. Inoltre, offriamo lezioni di lingua a soli 9,99 EUR / mese, che è molto più economico di altri metodi di apprendimento delle lingue. Inoltre, il nostro sistema utilizza la nostra tecnologia per rendere “intelligente” il processo di apprendimento: monitoriamo i progressi dell’apprendimento su base individuale e formuliamo raccomandazioni che sono uniche per ogni utente.

 

EU-Startups.com: Dove ti piace vedere la tua attività (busuu.com) tra 3 anni?

 

Bernhard Niesner: busuu.com sarà un riferimento chiave per l’apprendimento delle lingue sia per i consumatori finali che all’interno del segmento istituzionale (aziende, università, scuole ecc.). Offriremo lezioni di lingua per tutte le lingue probabilmente per circa 20+ lingue che coprono ogni sorta di metodologie di apprendimento delle lingue (online, mobile, lezioni dal vivo ecc.).

 

EU-Startups.com: Cosa faresti per vivere se non avessi avviato un’attività?

 

Bernhard Niesner: Probabilmente lavora come consulente facendo turni notturni di fronte a una xls – così simile a quello che sto facendo ora ma almeno ora mi sto divertendo molto mentre lo faccio! 😉

 

EU-Startups.com: Qual è stata la tua peggior idea imprenditoriale?

 

Bernhard Niesner: Istituire una catena alimentare sana in Spagna – probabilmente sarei in bancarotta dopo 6 mesi poiché credo che gli spagnoli rimarranno per sempre nei loro bar di tapas ..

 

EU-Startups.com: Quali sono i tuoi pensieri sulla scena di avvio all’interno dell’Unione europea: pensi che diventerà mai competitivo rispetto alla scena americana?

 

Bernhard Niesner: Credo che la scena delle start-up dell’UE sia già molto competitiva e le start-up di grande successo si sono evolute di recente. Penso piuttosto che il settore del finanziamento nell’UE debba cambiare. I VC europei devono essere più veloci, meno burocratici e più correre rischi nelle start-up delle fasi iniziali al fine di offrire loro le stesse possibilità di start-up simili con la stessa idea negli Stati Uniti.

 

Intervista con Heikki Haldre (fits.me)

Intervista con Heikki Haldre (fits.me)

We just made an interview with Heikki Haldre, the co-founder and CEO of fits.me. After a busy week and his speach at the Drapers Fashion Summit (London) he took some time to answer our interview-questions. With his young company fits.me, wich is based in Tallinn (Estonia), he solves a huge problem for online-shopping: The lack of a fitting room in internet shops. Not only are retailers struggling to convince customers to buy without ability to try clothes first, they get 1-in-4 clothes back – mostly all because the customer received the wrong size. Because apparel goes quickly out of fashion, returns are the biggest cost for online retailers. Fits.me provides the significant increase in sales for internet clothing retailers, and reduces the retailers’ costs, by reducing returns.

EU-Startups.com: Please tell us something about the start of fits.me and the technology behind it.

Heikki Haldre: “It’s impossible to create the robots, shape-shifting to thousands of shapes and sizes that define a human,” declared the scientists in the early days of Fits.me. Then they did it. The technology, based on bio-robotics, that gives Fits.me the ability to show how clothes fit the real people, took finding the right team and smart scientists. The founders’ background in apparel, technology, e-commerce, and most importantly – being stubborn not to listen to naysayers – helped us through the early days. For any tech entrepreneur – creating something never done before – it’s important not to listen to those who say how it cannot be done. It is also important to listen to these people carefully, as they provide the most valuable expertise what problems need to be solved.

EU-Startups.com: How did you finance the startup-phase of fits.me?

Heikki Haldre: Self-funding and smaller European Union research grants helped us to the point that we could prove that the idea worked. After the initial proof, it was fairly easy to get the angel and venture capital backing. Recession certainly helped to get the angels. During the times when the economy fluctuates, the risks to any investment are high – however potential returns from a tech startup are much higher compared to anything else. Hence, the tech startups with great ideas have it slightly easier to find funding when the economy faces many unknowns.

EU-Startups.com: What were the main stumbling blocks of your first year as an entrepreneur?

Heikki Haldre: I’ve created and sold five companies prior to Fits.me, I’ve also been to five universities. While both have been important, I would not trade for anything the experience from starting a company before. If there’s one advice to give to other starting entrepreneurs – tell about your idea to everyone who cares to listen. Don’t be afraid of someone stealing it – after all great ideas only exist because of the great team, including yourself. Use their advice to build your idea to something much bigger than you’d been able to do by yourself. In Europe, apply for programs like Springboard.com, certainly Seedcamp. The mentorship you’ll receive will make a big change how your company evolves.

EU-Startups.com: Looking back, what would you do differently in the startup-stage?

Heikki Haldre: Someone asked me what were the mistakes we did with Fits.me. My answer – none. It’s true that Fits.me has changed its business model completely since start, but this is not necessarily a mistake. It’s a learning curve, unless you remain too stubborn not to notice the need for a change. A potential threat to any idea is over-engineering. Go put it live, even when it’s still an early prototype – the things you learn from the users help to design the product quicker and better. Probably we could have saved precious months off making Fits.me if we had seen it like this from the beginning.

EU-Startups.com: What makes fits.me unique or better as other services out there?

Heikki Haldre: A fitting room in a clothing shop is not only about getting the right size. Customers can see how different items look together (stylistic function), they can touch the fabric, etc. However, these functions are easy to quantify – the main reason (60%) customers return clothes bought online is because of the wrong size. Because of personal preferences of how tight the clothes should be, there is really no substitute to showing how clothes fit. This is the reason why size recommendation or size charts do not work. Fits.me Virtual Fitting Room focuses on letting people get the right size and does it well. Other technologies have focused more on stylistic function.

EU-Startups.com: Where do you like to see your business (fits.me) in 3 years?

Heikki Haldre: As technology evolves to replicate the real life shopping experience, the sales of clothes shift to internet. By the year 2018, some 1-in-4 clothing shops face closing – it’s already happening with bookshops. The tech cooking in Fits.me’s labs, and partnerships with other technologies, will give customers amazing online shopping experience.

EU-Startups.com: What would you do for a living, if you had not started a business?

Heikki Haldre: Simple. I would have started another business.

EU-Startups.com: What was your worst business idea yet?

Heikki Haldre: Fits.me! Looking back at the time when it was in its first iteration, it was just horrible. It’s amazing how the idea has evolved over this time.

EU-Startups.com: What are your thoughts on the startup-scene within the European Union: Do you think it will ever become competitive in relation to the US-scene?

Heikki Haldre: Here’s an issue – Europe, in general, is not supportive of startups. You need rather thick skin to escape from the initial negativism, but this is not the real problem. The real problem is that in Europe most criticism simply states that your idea will never work. In the US they tell you *why* it will never work. It does not apply, of course, to all of Europe, or all the US. However, this difference perhaps can be overcome by encouraging entrepreneurship, and creating more incubator and mentorship programs. However, because of the diversity of ideas in Europe, often better access to connect ideas across different cultures, industries, and experiences, the next great idea will be from Europe.

Intervista con Heiko Hubertz (Bigpoint)

Intervista con Heiko Hubertz (Bigpoint)

             

             

Per la nostra quarta intervista abbiamo appena avuto la possibilità di parlare con il fondatore e CEO di Bigpoint , che è sicuramente uno dei maggiori successi su Internet fuori dalla Germania. La sua azienda sviluppa e gestisce giochi per browser – e come editore, fornitore di contenuti e sviluppatore, Bigpoint sta stabilendo nuovi standard per ogni nuovo gioco in termini di tecnologia, gameplay e divertimento. Fondata nel 2002, Bigpoint ha sede ad Amburgo, Berlino, San Francisco, Malta e San Paolo e conta attualmente oltre 600 dipendenti. Nel 2008, Heiko Hubertz ha venduto all’incirca i 2/3 dell’azienda a NBC Universal e GMT per circa 70 milioni di Euro.

 

EU-Startups.com: Quando hai avuto l’idea di Bigpoint e cosa ti ha fatto essere sicuro che fosse quello giusto?

 

Heiko Hubertz: Bigpoint è stata fondata nel 2002 come m.wire GmbH … abbiamo preso il nome di “Bigpoint” 2007. Nel 2002/2003, ho sviluppato il primo titolo – IceFighter – principalmente per far giocare gli amici . Poco dopo sono stato sorpreso di apprendere che non solo si divertivano a giocarci, ma erano anche interessati all’acquisto di oggetti speciali. Quindi, ho aggiunto micro-transazioni al gioco e ha iniziato a fare soldi. Molto rapidamente, il gioco è cresciuto, quindi ne abbiamo costruito un altro e un altro. Oggi ne abbiamo più di 60 in portafoglio, localizzati in 30 lingue e generiamo entrate in oltre 180 paesi. Bigpoint è stato un enorme successo, che ha ampiamente superato le mie aspettative iniziali.

 

EU-Startups.com: Come hai finanziato la fase di avvio di Bigpoint?

 

Heiko Hubertz: Inizialmente, ho finanziato Bigpoint attraverso altre iniziative imprenditoriali. Solo tre anni fa avevamo 10 milioni di utenti registrati. Oggi ne abbiamo oltre 160 milioni e ne aggiungiamo 250.000 ogni giorno. Attraverso le micro-transazioni siamo in grado di generare una crescita massiccia delle vendite anno su anno. Nel 2008, ho venduto circa 2/3 della società a NBC Universal (Peacock Equity Fund) e GMT, una banca di investimento nel Regno Unito. Ciò ha comportato la nostra capacità di espanderci in Nord America e iniziare a creare una nuova classe di giochi per browser online.

 

EU-Startups.com: Quali sono stati i principali ostacoli per il tuo primo anno da imprenditore?

 

Heiko Hubertz: Ho sottovalutato l’impatto che Facebook avrebbe sui giochi. Mentre siamo riusciti a costruire una rete di giochi di successo attraverso siti partner fuori Facebook, non avere titoli social su Facebook è stata sicuramente una decisione che vorrei riprendere. Fortunatamente, la nostra suite di giochi casuali si sta esibendo e stiamo cercando modi per continuare ad espanderci in questo settore.

 

EU-Startups.com: Guardando indietro, cosa faresti diversamente nella fase di avvio?

 

Heiko Hubertz: Per i primi due anni ho tenuto piccola la compagnia; solo cinque dipendenti. Guardando indietro, avremmo dovuto aumentare molto più rapidamente per sfruttare la domanda di giochi per browser di alta qualità. Oggi abbiamo oltre 600 dipendenti in cinque uffici (Amburgo, Berlino, Malta, San Francisco e San Paolo) e continueremo a crescere in modo aggressivo fino al 2011.

 

EU-Startups.com: Cosa rende Bigpoint unico o migliore rispetto ad altri servizi là fuori?

 

Heiko Hubertz: A differenza della maggior parte delle aziende del nostro settore, non dipendiamo da un singolo portale di gioco o social network per attirare gli utenti verso i nostri giochi. I nostri titoli sono distribuiti su oltre 1000 siti partner in tutto il mondo. Dal punto di vista creativo, ci siamo sempre battuti per introdurre sul mercato prodotti di altissima qualità. Giochi come Battlestar Galactica Online e Ruined Online , che sono costruiti sopra il motore Unity, ci consentono di offrire giochi di qualità console tramite un browser Internet. Questo è un esempio del tipo di innovazione che è radicata nel nostro spirito.

 

EU-Startups.com: Dove ti piace vedere la tua attività (Bigpoint) in 3 anni?

 

Heiko Hubertz: Vorremmo essere considerati una delle migliori società di giochi online al mondo.

 

EU-Startups.com: Cosa faresti per vivere se non avessi avviato un’attività?

 

Heiko Hubertz: Molto probabilmente sarei un ingegnere del software. Mi piaceva molto programmare, ma non ho più tempo per farlo.

 

EU-Startups.com: Qual è stata la tua peggior idea imprenditoriale?

 

Heiko Hubertz: Entrando nel mercato asiatico senza comprendere appieno le complessità e la cultura aziendale, per noi non era una buona idea. Di conseguenza, il nostro tempo in Asia è stato di breve durata. In futuro, tuttavia, mi aspetto che torneremo su quel mercato con il supporto delle competenze locali.

 

EU-Startups.com: Quali sono i tuoi pensieri sulla scena di avvio all’interno dell’Unione europea: pensi che diventerà mai competitivo rispetto alla scena americana?

 

Heiko Hubertz: La Silicon Valley è davvero unica in quanto esiste una vasta gamma di aziende tecnologiche e di intrattenimento nelle immediate vicinanze. In virtù della sua distribuzione in tutta l’UE, credo che sia difficile creare un’atmosfera equivalente. Lo spirito della Silicon Valley, tuttavia, è condiviso dagli imprenditori di tutta Europa. Nel settore dei videogiochi, il mercato è veramente globale. Rispetto al mercato nordamericano, che in genere si concentra sugli Stati Uniti, gli europei hanno un vantaggio perché siamo abituati a operare in molti paesi con molte lingue e culture.

 

Intervista a Jens Begemann (wooga)

Intervista a Jens Begemann (wooga)

             

             

Al momento abbiamo avuto la possibilità di intervistare Jens Begemann, fondatrice e CEO di Wooga . La società di giochi sociali è stata fondata nel gennaio 2009 e ha sede a Berlino. Con giochi come Brain Buddies, Bubble Island, Monster World e Happy Hospital, la giovane azienda è già tra i primi 7 sviluppatori di giochi Facebook per numero di utenti attivi.

 

EU-Startups.com: Quando tu o il tuo partner avete avuto l’idea di Wooga e cosa vi ha reso sicuri che era quello giusto?

 

Jens Begemann: Sono stato Chief Product Officer di Jamba (alias Jamster; alcuni potrebbero ricordare la suoneria di Crazy Frog) e sono partito nell’estate del 2008 per fondare un’azienda – ma non avevo idea di cosa avrebbe fatto tratta di. Ho quindi viaggiato e parlato con molte persone per ca. 2 mesi e poi ho deciso di fare qualcosa nei giochi casual per il browser. Nelle prossime settimane questo cambiò in giochi sociali e fondammo formalmente wooga nel gennaio 2009.

 

EU-Startups.com: Come hai finanziato la fase di avvio di Wooga?

 

Jens Begemann: Il mio co-fondatore e io abbiamo messo i nostri risparmi in wooga e li abbiamo usati per sviluppare il nostro primo gioco Brain Buddies. Non appena eravamo pronti per il lancio su Facebook nell’estate del 2009, abbiamo ottenuto finanziamenti VC.

 

EU-Startups.com: Quali sono stati i principali ostacoli per il tuo primo anno da imprenditore?

 

Jens Begemann: Trovare le persone migliori e giuste è stata ed è ancora la sfida più importante e più difficile.

 

EU-Startups.com: Guardando indietro, cosa faresti diversamente nella fase di avvio?

 

Jens Begemann: Avrei fatto un gioco agricolo come il nostro primo titolo (questo era pochi mesi prima di FarmVille) … 😉 Ma nessuno avrebbe potuto prevedere quel successo. Siamo molto contenti di ciò che abbiamo realizzato: ora siamo la settima società di social game più grande al mondo.

 

EU-Startups.com: Cosa rende Wooga unico o migliore degli altri servizi là fuori?

 

Jens Begemann: I nostri giochi social sono di altissima qualità con grande attenzione ai dettagli e molte emozioni.

 

EU-Startups.com: Dove ti piace vedere la tua attività (Wooga) tra 3 anni?

 

Jens Begemann: In 10-20 anni vogliamo essere una delle prime 3 società di giochi al mondo. In 3 anni prevediamo di essere tra i primi 2 nei giochi social.

 

EU-Startups.com: Cosa faresti per vivere se non avessi avviato un’attività?

 

Jens Begemann: Probabilmente sarei gestito da una società web che non possiedo o che sarei responsabile per i prodotti di un’azienda Internet più grande. Ma non voglio tornare indietro. Adoro essere un imprenditore.

 

EU-Startups.com: Qual è stata la tua peggior idea imprenditoriale?

 

Jens Begemann: All’inizio del 2001 stavo pianificando di fondare una start-up che innovasse nella ricerca, ma alla fine non l’ho fatto (la bolla è crollata) e andava bene. Probabilmente non avrei avuto alcuna possibilità contro Google.

 

EU-Startups.com: Quali sono i tuoi pensieri sulla scena di avvio all’interno dell’Unione europea: pensi che diventerà mai competitivo rispetto alla scena americana?

 

Jens Begemann: Dovremmo smettere di provare a ricreare la Silicon Valley in Europa, perché la Bay Area è unica. Ma l’Europa è anche unica e diversa da San Francisco: penso che per le start-up con un focus internazionale sia ancora più facile iniziare in Europa poiché la localizzazione è più nel DNA degli europei.