Helsinki-based Speechly snags €2 million to build developer tools for next-gen voice apps

         

Speechly team

         

Speechly, una startup con sede a Helsinki, il cui team ha esperienza di lavoro su Siri e Alexa, ha ottenuto € 2 milioni per creare strumenti di sviluppo per interfacce utente vocali di prossima generazione.

 

Il round del seme è stato condotto dai Cherry Ventures di Berlino, con la partecipazione di Seedcamp e Quantum Angels, Joyance Partners, Social Starts, Tiny.vc, Juha Paananen e Nicolas Dessaigne. Il finanziamento raccolto sarà utilizzato per sviluppare ulteriormente lo strumento e per rilasciare le API pubbliche.

 

La ​​startup finlandese, fondata nel 2016, costruisce API per sviluppatori per le interfacce vocali di prossima generazione, con il team che aveva precedentemente lavorato su prodotti noti come Siri di Apple e Alexa di Amazon. La tecnologia Speechly consente agli sviluppatori di uscire da ingenui casi d’uso dell’assistente vocale per creare esperienze utente più sofisticate, in tempo reale e multimodali e abilitate alla voce. La tecnologia funziona su qualsiasi piattaforma o sistema operativo.

 

“È difficile, ma non impossibile, competere contro artisti del calibro di Google, Amazon e Apple. Ma il nostro approccio alle interfacce utente vocali è diverso. Non abbiamo bisogno di monetizzare i dati dei nostri clienti o legare gli sviluppatori al nostro ecosistema “, afferma Otto Söderlund, CEO di Speechly.

 

Il problema fondamentale delle piattaforme di assistenza vocale è che tendono a fallire con richieste più complesse da parte degli utenti. Inoltre, non si integrano con app e UI familiari. Dal punto di vista commerciale, le piattaforme di assistente vocale costringono le aziende a operare nell’ecosistema di qualcun altro e a fornire dati utili agli utenti. Soprattutto, gli SDK e le API attuali sono troppo complessi o non offrono agli sviluppatori un controllo sufficiente sull’esperienza dell’utente finale.

 

Speechly rende disponibile la comprensione della lingua parlata per il 99% degli sviluppatori che non sono esperti di NLU (Natural Language Understanding) con SDK e API di facile utilizzo. “Speechly offre agli sviluppatori la possibilità di creare facilmente esperienze utente vocali deliziose che si integrano bene con i loro prodotti e marchi. Crediamo che la nostra tecnologia porterà lo stesso tipo di rinascita che l’iPhone ha portato al tocco nel 2007 ”, afferma Hannes Heikinheimo, CTO di Speechly.

 

La ​​salsa segreta della tecnologia di comprensione del linguaggio parlato di Speechly sta nel modo in cui i meccanismi della comprensione del linguaggio naturale e del riconoscimento vocale lavorano insieme. Ciò consente a Speechly di offrire un’esperienza utente vocale multimodale più rapida e intuitiva. “Abbiamo progettato la nostra tecnologia proprietaria di riconoscimento vocale da zero per supportare una gamma significativamente più ampia di esperienze utente relative alla voce rispetto ai prodotti esistenti là fuori”, [19459007 ] Spiega Hannes Heikinheimo.

 

La ​​tecnologia Speechly è già utilizzata nell’e-commerce, realtà virtuale, media, sanità, servizi industriali ecc. E può essere applicata a qualsiasi settore o piattaforma.

 

“La tecnologia di Speechly può essere il Twilio per le interfacce utente vocali e cambiare il modo in cui gli sviluppatori usano e pensano alla voce in futuro” , afferma Filip Dames, partner di Cherry Iniziative.

 

Swiss startup Nagi Bioscience raises €1.6 million to replace animal testing

Swiss startup Nagi Bioscience raises €1.6 million to replace animal testing

Nagi Bioscience SA, a Swiss life-science-tech company developing a revolutionary technology for the in vitro testing of drugs and chemicals, announced today the closing of a €1.6 million seed financing round.

Investors in the round include the leading Swiss venture capital platform investiere, Zürcher Kantonalbank, NEST pension fund and private investors from Switzerland and the United States. The funds will be used to complete the development of Nagi Bioscience’s first product and prepare its market access.

Nagi Bioscience, a spin-off from the Ecole Polytechnique Fédérale de Lausanne (EPFL), was founded in January 2019, in Lausanne. Nagi Bioscience has developed an innovative “Organism-on-Chip” technology, aiming to revolutionize the way toxic and beneficial effects of substances are tested today. This technology relies on the combined use of microfluidics and microscopic worms (the validated biological model C. elegans) to provide a new sustainable alternative to traditional animal testing to pharma, chemical, cosmetic industries and biomedical research. This solution complies with the emerging directives for the replacement, reduction and refinement of animal testing, i.e. the so-called “3Rs” principles, and allows significantly reducing costs and delays of pharmaceutical and chemical research.

“Complex drug efficacy and safety tests that would take months using traditional animal testing now can be carried out on our microfluidic device in only a few days, at a fraction of their current cost and in a fully automated way” says Dr. Matteo Cornaglia, the founder and CEO of the company. “Nagi Bioscience is a great team of dedicated people sharing the vision to create a new class of solutions for faster, cost-effective and sustainable drug and chemical testing in the future. The whole team is excited and honored to get great investors on board that are sharing this vision and providing their expertise to accelerate commercialization and widespread use of our technology”.

Furthermore, the company announces the assignment of Dr. Chris Radloff to the Board of Directors. “I’m following Nagi Bioscience since more than a year and I’m excited to be part of the next phase developing this innovative idea between life science and microfluidics into a business”, says Dr. Radloff. Chris is a board director and angel investor in several startup companies and brings to the company 20+ years of expertise in the life-science-tech field.

Paris-based Majelan snaps up €6 million to disrupt podcast industry

Paris-based Majelan snaps up €6 million to disrupt podcast industry

majelan

French startup Majelan, the podcast distribution and production platform, has raised €6 million, bringing its total raised to €10 million.

The funds come from previous investors Idinvest Partners fund, and new investors Bpifrance. It’s also worth mentioning that French tech billionaire Xavier Niel, who we interviewed recently about his investment into the Paris scene, is also one of the shareholders, signalling the startup’s promise.

Majelan is a platform that stands at the crossroads between Netflix and Spotify. Founded in the summer of 2018, the concept is the brainchild of Mathieu Gallet, former CEO of Radio France, and Arthur Perticoz, entrepreneur behind Wynd. The platform pulls together thousands of podcasts from other platforms into one single interface, to improve the listening experience. Majelan is based on a ‘freemium’ model, with the premium offer including exclusive content accessible for €4.99 per month. In this context, the startup has launched its own audio content to compete with already well-established players such as Binge Audio and Louie Media. To date, the company claims to offer around thirty original and exclusive programmes on its platform. 

The platform initially encountered some challenges, with some of the 13 million episodes it collated not wishing to appear on the platform. Defending his project against all odds, Mathieu Gallet also experienced difficulties with the Google Play Store platform in July.

“Podcasts are growing in popularity in France, with more than 4 million people in France listening each month, a 25% increase over last year. In the United States, where this market is more advanced, 73 million Americans already use podcasts every month”, said CEO Gallet. 

Majelan will use its funds to boost its production of exclusive podcasts, and expand globally. The podcast market continues to grow, in the wake of 5G, smartphone developments and the convenience of being able to listen whilst completing other tasks such as commuting (in contrast to text/video which require a higher level of attention). In 2018, 27.9% of Europeans said they listened to podcasts, according to Statista, with the top countries being Spain, Ireland and Sweden.

Rotterdam-based Anywhere365 snaps up €40 million to boost its omnichannel customer services solutions

Rotterdam-based Anywhere365 snaps up €40 million to boost its omnichannel customer services solutions

Rotterdam startup

Anywhere365, a Contact Centre and Enterprise Dialogue Management solution provider, has announced that it has received an investment of €40 million from Bregal Milestone, a pan-European growth capital firm.

Anywhere365 will leverage Bregal Milestone’s strategic support and capital to accelerate its expansion through both organic growth and buy-and-build activities. The investment by Bregal Milestone is the sixth transaction out of its €400 million fund and marks the first transaction in the Netherlands.

Anywhere365 (founded in 2011) is an omnichannel Contact Centre and Enterprise Dialogue Management platform that streamlines communications for global companies with complex customer service needs. It has more than 1,000 customers in 54 countries, including multinationals such as Philips, Royal Dutch Shell, Rabobank, Société Générale, Nestlé and specialized enterprises such as Swarovski, DHL and USG People. The Company is most known for its global Anywhere365 Dialogue Cloud, which uses AI, machine learning and Microsoft Azure to assess, route, and translate customer inquiries on all channels (web, chat, email, voice). By replacing legacy communications systems, Anywhere365 Dialogue Cloud drives higher customer satisfaction and increases workforce productivity. Their platform maximises the use of Skype for Business, Microsoft Teams and Direct Routing for Cloud Contact Centres and can be natively embedded within CRM and ITSM platforms, such as Dynamics CRM, Salesforce, and ServiceNow.

The founder of Anywhere365, Gijs Geurts, will retain a majority interest in the Company. “I am delighted by this collaboration that will enable further growth,” Geurts stated. “Bregal Milestone sees the potential of Anywhere365, given our track record of profitable growth of our on-premise and cloud-based Enterprise Dialogue Management solutions for Microsoft-centric contact center applications, as well as managing critical messaging and notifications from IoT devices.”

“We are proud to partner with Anywhere365 for this next phase of growth,” said Cyrus Shey, a Managing Partner at Bregal Milestone. “With its flexible suite of applications and deep integration with Microsoft, we believe Anywhere365 is well positioned to capture this large and compelling market opportunity. We look forward to working with Gijs and his ambitious team to further develop their business and drive profitable growth.

"Uno dei maggiori errori è parlare troppo presto agli investitori": intervista con il responsabile dell'accesso ai finanziamenti dell'EIT Digital Accelerator, Daniel Michel

"Uno dei maggiori errori è parlare troppo presto agli investitori": intervista con il responsabile dell'accesso ai finanziamenti dell'EIT Digital Accelerator, Daniel Michel

         

Daniel Michel EIT

         

Nota del redattore: questo post è stato creato in collaborazione e con il supporto finanziario di EIT Digital . Se sei interessato anche a collaborare con noi , contattaci.

 

La tua startup è sulla strada per espandersi all’estero e prepararsi per un round di finanziamento internazionale? Non è raro che i fondatori, che sono spesso eccellenti team leader, ingegneri e innovatori, non riescano a spiegare perché la loro startup è un investimento interessante.

 

Se questo suona come te, allora devi parlare con Daniel Michel . Daniel è a capo di Access to Finance presso EIT Digital Accelerator e trascorre la maggior parte del tempo collegando promettenti startup tecnologiche ad alta crescita alla loro comunità di 1000 investitori in tutta Europa. È un sostenitore di un ecosistema europeo più connesso e canta i vantaggi della ricerca di round di finanziamento più grandi al di fuori della tua nazione, oltre ad essere un esperto nel guidare i fondatori al finanziamento del successo.

 

Abbiamo parlato con Daniel per ottenere alcuni dei suoi migliori suggerimenti, per aiutare i fondatori a cercare di ottenere il loro prossimo investimento internazionale e ridimensionarli in tutta Europa.

 

Daniel, sei a capo dell’accesso alle finanze, presso l’EIT Digital Accelerator. Puoi descrivere questo ruolo un po ‘più in dettaglio: quali sono i tuoi obiettivi e compiti?

 

Quando sono entrato in EIT Digital cinque anni fa, mi è stato chiesto di istituire un programma di “Accesso ai finanziamenti” per aiutare le aziende digitali ad alta crescita a prepararsi per i loro prossimi round di finanziamento. Non l’abbiamo chiamato raccolta di fondi o investimento poiché non investiamo in aziende, non è questo il nostro ruolo. In “Accesso ai finanziamenti”, aiutiamo le aziende a prepararsi per ottenere finanziamenti. Quando sei amministratore delegato di un’azienda, sei molto bravo in quello che fai tecnicamente, ma quando si tratta di raccogliere fondi e trovare investitori da investire nell’azienda, è un lavoro molto diverso. Ad esempio, il CEO non farebbe mai il lavoro di un avvocato, perché non conosce il gergo, diciamo. Allo stesso modo, per quanto riguarda la raccolta fondi, dobbiamo insegnare agli amministratori delegati il ​​linguaggio finanziario per presentare la loro azienda nel modo migliore agli investitori. Perché ciò che conta non è la descrizione del prodotto, né le ultime funzionalità del prodotto. È per raccontare la storia del perché si tratta di un caso di investimento interessante: in che modo l’azienda realizza ricavi oggi e come farà ricavi in ​​futuro.

 

Puoi condividere alcuni numeri, come ad esempio quante startup hai già contribuito a ottenere finanziamenti e qual è il tipo tipico di startup che supporti, in termini di stage?

 

Aiutiamo le aziende che hanno già un prodotto di successo in grado di espandersi o che sono già presenti in diversi paesi in Europa. Aziende che stanno raccogliendo un round A o B da € 2 a € 20 milioni. Scaleup che hanno attraversato la prima fase della crescita, con team da 10 a 30 persone, con ricavi da 1 a 5 milioni di euro. Queste aziende devono affrontare la sfida di raccogliere ulteriori fondi, il che è più complicato. Qui è dove hanno bisogno del nostro aiuto per crescere in tutta Europa e per completare un round internazionale di raccolta fondi. I round più piccoli possono spesso essere aumentati a livello nazionale.

 

Ci sono stati segnali contrastanti di rallentamento economico in alcuni paesi. Pensi che l’accesso al capitale di rischio in Europa e nel mondo diventerà più difficile o pensi che continuerà a crescere nei prossimi anni?

 

È sempre un rischio perché viviamo in un mercato globale e non siamo il centro del mondo, e con altri paesi dominanti come la Cina e gli Stati Uniti, le crisi possono verificarsi da qualsiasi luogo. Nel complesso, è estremamente importante investire in società in forte crescita. Quando si verifica una recessione del mercato, che avviene statisticamente ogni 7-10 anni, come sappiamo dalla storia, gli investitori finanziari saranno i primi a ritirarsi. Tuttavia, abbiamo anche visto che durante la crisi le aziende continuano a investire in progetti strategici, poiché sanno che è essenziale concentrarsi sull’evoluzione del loro settore e tenere il passo con le innovazioni nei loro settori verticali. A differenza dei mercati azionari, il mercato VC tende a superare la crisi con meno infortuni, perché c’è sempre denaro da investire in innovazione ad alta tecnologia e nuove idee.

 

A EIT Digital anche tu e il tuo team guidate le startup sulla raccolta fondi. Quali sono gli errori comuni che vedi che i fondatori commettono quando si avvicinano alla raccolta fondi?

 

In primo luogo, penso che uno dei più grandi errori sia parlare agli investitori troppo presto, senza essere preparati. Hai solo una possibilità di fare una buona prima impressione: se non riesci a presentarti bene nei primi 10-30 secondi, sei fuori. Non parlare troppo presto agli investitori senza essere preparati, senza avere un messaggio chiaro. Vediamo troppo spesso i CEO, che sono ingegneri intelligenti davvero impressionanti, perdono i loro interlocutori nelle discussioni tecniche, quando è più importante presentare casi d’uso dei clienti. In secondo luogo, cerca di ottenere approfondimenti esterni sulla tua attività. In terzo luogo, contattare gli investitori sembra molto semplice: trascorrendo mezz’ora su Google troverai 100 dei maggiori investitori là fuori, ma è improbabile che questi investano nella tua attività. Alla ricerca di investitori più dettagliati, specializzati nel tuo spazio, le dimensioni della tua azienda e la tua geografia richiedono spesso molto più tempo ed è fatto meglio da persone che lo fanno regolarmente.

 

Puoi spiegare un po ‘di più la rete di investitori: quanto è grande, quale% è il capitale di rischio e quale% è il capitale di rischio?

 

Sì. Abbiamo una rete di oltre 1000 investitori in tutta Europa e oltre. In ogni paese in Europa, ci sono diverse tipologie di investitori: investitori di capitali di rischio finanziari, fondi di venture capital, family office e fondi sovrani o regionali. Per quanto riguarda i VC, abbiamo almeno 20 VC per paese e fino a 100 quando vai in paesi come Francia, Germania o Regno Unito. Alcuni sono attivi e alcuni hanno appena chiuso un nuovo fondo, che è importante sapere. I VC sono anche molto facili da identificare, perché fanno molta pubblicità per farsi conoscere. Quindi, per quanto riguarda i fondi di venture capital, il fatto che vogliano investire nella tua azienda può essere molto vantaggioso, perché mostra una validazione della tua tecnologia e modello di business. Sfortunatamente, in Europa, attrarre un fondo di venture capital può essere difficile in quanto alcuni fanno solo uno o due investimenti all’anno. Complessivamente, gli importi raccolti dalle startup in Europa dagli investitori di venture capital sono inferiori al 20%, il che è di gran lunga troppo basso. Le aziende sono caute: investono solo in innovazioni veramente strategiche in ciascun settore. Quindi hai anche gli “family office”, come i fondi creati dalle famiglie che hanno venduto un’azienda di successo in un’area specifica. I family office preferiscono storicamente investire in private equity, a causa della forte avversione al rischio. Non abbiamo abbastanza di questa categoria di investitori in Europa rispetto agli Stati Uniti. E infine, abbiamo fondi nazionali o regionali come Bpifrance, High-Tech Gründerfonds e Almi, che esistono in tutti i paesi europei. Non dobbiamo dimenticarli perché sono spesso buoni coinvestitori. Non prenderanno mai il comando nel round – non prenderebbero più del 49 percento di un round azionario – e porteranno anche un’immagine di alta qualità alle aziende che supportano.

 

Nel complesso, se c’è un messaggio che dovremmo divulgare in Europa, è che dovremmo incoraggiare le persone a investire di più nell’economia reale, comprese le start-up e le società tecnologiche ad alta crescita. In Europa, circa 20 miliardi sono stati investiti in capitale di rischio e private equity lo scorso anno. Negli Stati Uniti, sono stati 100 miliardi, cinque volte di più. In Asia, erano 80 miliardi. In totale, l’Europa rappresenta solo il 10% degli investimenti a livello mondiale destinati all’innovazione e al finanziamento delle società in rapida crescita del futuro. Dobbiamo migliorare l’attrattiva di questa asset class in Europa.

 

Hai appena menzionato il divario tra il mercato dei capitali di rischio in Europa e negli Stati Uniti. Forse c’è anche una mancanza di assunzione di rischi in Europa. Vedi una tendenza dell’Europa in ripresa o l’America sta crescendo più velocemente?

 

Negli ultimi 10-20 anni, c’è sempre stato un rapporto da 1 a 5, o da 1 a 7, tra investimenti statunitensi ed europei in capitale di rischio. Ciò dimostra che gli investitori europei stanno dedicando meno risorse a questo tipo di investimento e ciò significa anche che dobbiamo usare queste risorse in modo più intelligente. Gli Stati Uniti investono di più, poiché dispongono di fondi VC sempre più grandi con spesso più di qualche miliardo di risorse gestite. Inoltre c’è un fenomeno culturale in quanto i cittadini statunitensi sono più desiderosi di investire in aziende high-tech, sperando di contribuire al successo di aziende guidate da persone come Bill Gates, Marc Zuckerberg e, più recentemente, Elon Musk. Se sei uno di questi imprenditori di successo, allora puoi permetterti di assegnare alcuni miliardi a un fondo di venture capital. In Europa, chi è veramente in grado di farlo? Non molte persone. E quando guardi la maggior parte dei nostri miliardari in Europa, hanno fatto soldi in settori tradizionali, non ad alta tecnologia, e quindi non necessariamente reinvestono in aziende ad alta tecnologia. In questo senso, dobbiamo avere più imprenditori di successo nell’high tech per colmare questo divario di capitale di rischio, quindi seguire un modello a cascata in cui abbiano risorse sufficienti per investire di nuovo in società high-tech. Dobbiamo incoraggiare i ricchi a investire e sviluppare le loro attività qui in Europa, è essenziale per le nostre economie per il futuro.

 

Per gli scalatori che sono alla ricerca di aiuto per coaching e raccolta fondi, qual è il modo migliore per entrare in contatto con EIT Digital?

 

Abbiamo uffici in 11 paesi in Europa, ma il modo migliore per entrare in contatto è via e-mail o compilando il nostro modulo online . Di solito rispondiamo molto rapidamente. Quando ti richiamiamo, proveremo a capire qual è il tuo bisogno, se possiamo aiutare e come possiamo aiutare. Se la compagnia è troppo presto, riprendiamo la conversazione in seguito con loro. Quindi, vogliamo davvero parlare con qualsiasi azienda digitale europea con un fatturato di almeno 1 milione di euro e che si sta espandendo a livello internazionale.

 

Omnio, con sede a Londra, raccoglie € 15 milioni per potenziare la sua piattaforma di banca digitale basata su cloud

Omnio, con sede a Londra, raccoglie € 15 milioni per potenziare la sua piattaforma di banca digitale basata su cloud

Omnio startup

London-based fintech startup Omnio has announced closing a private placement, raising €15 million via the issue of 23,077 shares at a rate of €650 per offer share. 

Omnio, founded in 2018, specialises in the delivery of banking and payment solutions for business. The fintech startup offers banking-grade financial services through its cloud-based digital platform and back-office services. Omnio already serves more than two million users around the world on its omnio.VISION platform, and the startup wants to grow this number further, providing market-beating financial services to customers, no matter where they are across the globe.

The company has big ambitions for 2020, intending to increase its total fundraising to €25 million by January alone. The funds from the private placement will be used to invest in Omnio’s sales force, compliance/risk management plan, product optimisation, working capital and to finance a pending acquisition.

Adrian Cannon, Chief Executive Officer of Omnio, commented, “We are very grateful for the broad support and trust of our new investors at such a pivotal moment for us. Omnio is building on ten years of innovation and customer commitment, and now we are ready to accelerate our market expansion and benefit from an opportunity that will shape the future of banking for the next 20 to 30 years. Our low-cost, modular, and fully cloud-based digital banking platform is proving to be the key ingredient for banks and non-banks catering to their customers for improved and more engaged financial services offering.”